Image licensed by Ingram Image
Image licensed by Ingram Image

Care democratiche, cari democratici,

il 2016 è iniziato con il sì della Camera alle riforme costituzionali, completando il primo dei due passaggi parlamentari previsti, in attesa di conoscere il voto dei cittadini al referendum in autunno. Con le Riforme, finalmente un’Italia più semplice e più forte.
Due anni fa nessuno scommetteva un centesimo sul fatto che questo Parlamento facesse le riforme. E invece è tornata la politica, è tornata l’Italia.

 

riforme

 

L’Italia non rinunci ai propri sogni, pensi in grande“, è questo il titolo dell’enews di Matteo Renzi, con la quale il segretario ha augurato un buon 2016 a tutti gli iscritti e simpatizzanti del partito. Video: ‘Buon anno con il PD‘.

 

In questi ultimi giorni il Partito democratico è stato protagonista anche nel portare alla luce tutte le contraddizioni e l’inaffidabilità politica del M5S in merito alla vicenda di Quarto, il comune campano amministrato dai grillini. Di seguito gli articoli presenti sul sito che spiegano quanto accaduto ed i video prodotti.

 

Il Partito democratico ha messo in campo una grande iniziativa nazionale per i giovani. Il prossimo 29 gennaio prenderà il via la Scuola di formazione politica del PD che si svilupperà in 5 weekend e che coinvolgerà 300 ragazze e ragazzi del PD, under 35.

 

Importante passo avanti per il comparto agricolo del nostro Paese: è stato firmato il protocollo di lavoro “Diamo credito all’Agroalimentare italiano” alla presenza del premier, del ministro Maurizio Martina e con Banca Intesa San Paolo, che ha messo a disposizione delle imprese agroalimentari che hanno voglia di investire, 6 miliardi di euro in tre anni, solo come primo step.

 

agricoltura

 

Anche la cultura è stata al centro dell’azione di governo, sostenuta dal lavoro del Partito democratico: con 43 milioni di visite e incassi per 155 milioni di euro, il 2015 si conferma un ‘anno d’oro’ per i musei italiani”.
Segnaliamo il sì definitivo del Senato sulla delega al Governo per la riforma del codice degli appalti; si aggiunge così un altro mattone per costruire finalmente un’Italia più trasparente, più semplice, più giusta.
L’approvazione definitiva alla Camera del Collegato Ambientale ci riempie di soddisfazione e rappresenta un grande passo per l’Italia, grazie al lavoro dei relatori del PD e del Governo.

E’ uno strumento normativo rivoluzionario perché tocca in concreto la vita quotidiana dei cittadini, promuovendo misure di “green economy” e per il contenimento dell’uso eccessivo di risorse naturali.
Sempre in tema ambientale, in fine, scongiurato il fallimento del maggior complesso industriale per la lavorazione dell’acciaio in Europa, grazie all’approvazione del decreto Ilva alla Camera.
Seguiteci sul sito del Partito democratico e sui nostri social network Facebook e Twitter.

La Redazione Web