“Sono convinto che in queste elezioni abbia inciso l’incapacità di governo dei Cinque Stelle a Roma e la mancanza di una classe dirigente”: è quanto ha detto Matteo Ricci, responsabile enti locali del Pd, durante la trasmissione Porta a porta commentando le prime proiezioni dei risultati delle amministrative.
“I ballottaggi -ha poi aggiunto- sono una partita a parte: si vota la persona e il voto è trasversale. In 15 giorni possono cambiare tante cose”..

Quanto all’altro dato evidente, a lentissimo spoglio in corso, per il senatore Andrea Marcucci si assiste “a un disastro a 5Stelle”, che spiega anche il motivo per cui Grillo “ha affossato la legge elettorale con i collegi. Le giunte M5S hanno lasciato il segno”.


Regioni

Regione
PIEMONTE
VALLE D’AOSTA/VALLÉE D’AOSTE
LOMBARDIA
TRENTINO-ALTO ADIGE/SÜDTIROL
VENETO
FRIULI-VENEZIA GIULIA
LIGURIA
EMILIA-ROMAGNA
TOSCANA
UMBRIA
MARCHE
LAZIO
ABRUZZO
MOLISE
CAMPANIA
PUGLIA
BASILICATA
CALABRIA
SICILIA
SARDEGNA

“Un grande in bocca al lupo a tutti i candidati sindaco, soprattutto quelli del Pd e del centrosinistra. Domenica si vota dalle 7 alle 23 ed è fondamentale andare a votare nei mille Comuni. E in bocca a lupo a tutti quelli che faranno i sindaci, di tutti i partiti”: così Matteo Renzi, durante la puntata di OreNove di venerdì, ha salutato tutti i candidati sindaco in corsa per le elezioni amministrative che si svolgeranno domenica.

 

Fare il sindaco è essere depositari dei sogni dei propri cittadini. E allora un grande abbraccio affettuoso a tutte e a tutti e un gigantesco in bocca al lupo a chi pensa che la politica sia fare delle proposte e non soltanto urlare e dire di No, gridare, magari cambiare idea.

 

Perché a inseguire le scie chimiche forse si prende qualche like ma non si manda avanti il Paese. E noi come missione sociale abbiamo quella di mandare avanti l’Italia. Continueremo a farlo a testa alta e con il sorriso, convinti che gli italiani sapranno distinguere tra chi viene meno agli impegni presi con i propri elettori e con gli altri partiti e chi invece quotidianamente fa degli sforzi -e magari si prende anche qualche insulto- per mandare avanti il proprio Paese” .

 

Matteo Renzi

 

*******************************

 

Domenica 11 giugno sono interessati al voto quasi 10 milioni di elettori italiani in oltre 1000 comuni.
L’eventuale secondo turno si terrà il 25 giugno.
Sono 4 i capoluoghi di regione chiamati al voto: Genova, L’Aquila, Catanzaro e Palermo.
21 i capoluoghi di provincia: Asti, Cuneo, Alessandria, La Spezia, Como, Lodi, Monza, Verona, Padova, Belluno, Gorizia, Piacenza, Parma, Lucca, Pistoia, Rieti, Frosinone, Taranto, Lecce, Trapani, Oristano.
Altri 136 i comuni votano con il sistema maggioritario. I rimanenti votano con il turno secco.

I comuni capoluogo al voto nel 2017


“Un grande in bocca al lupo a tutti i candidati sindaco, soprattutto quelli del Pd e del centrosinistra. Domenica si vota dalle 7 alle 23 ed è fondamentale andare a votare nei mille Comuni. E in bocca a lupo a tutti quelli che faranno i sindaci, di tutti i partiti”: così Matteo Renzi, durante la puntata di OreNove di venerdì, ha salutato tutti i candidati sindaco in corsa per le elezioni amministrative che si svolgeranno domenica.

 

Fare il sindaco è essere depositari dei sogni dei propri cittadini. E allora un grande abbraccio affettuoso a tutte e a tutti e un gigantesco in bocca al lupo a chi pensa che la politica sia fare delle proposte e non soltanto urlare e dire di No, gridare, magari cambiare idea.

 

Perché a inseguire le scie chimiche forse si prende qualche like ma non si manda avanti il Paese. E noi come missione sociale abbiamo quella di mandare avanti l’Italia. Continueremo a farlo a testa alta e con il sorriso, convinti che gli italiani sapranno distinguere tra chi viene meno agli impegni presi con i propri elettori e con gli altri partiti e chi invece quotidianamente fa degli sforzi -e magari si prende anche qualche insulto- per mandare avanti il proprio Paese” .

 

Matteo Renzi

 

*******************************

 

Domenica 11 giugno sono interessati al voto quasi 10 milioni di elettori italiani in oltre 1000 comuni.
L’eventuale secondo turno si terrà il 25 giugno.
Sono 4 i capoluoghi di regione chiamati al voto: Genova, L’Aquila, Catanzaro e Palermo.
21 i capoluoghi di provincia: Asti, Cuneo, Alessandria, La Spezia, Como, Lodi, Monza, Verona, Padova, Belluno, Gorizia, Piacenza, Parma, Lucca, Pistoia, Rieti, Frosinone, Taranto, Lecce, Trapani, Oristano.
Altri 136 i comuni votano con il sistema maggioritario. I rimanenti votano con il turno secco.

I comuni capoluogo al voto nel 2017