Articolo

Don Ciotti: "questo Governo sacrifica il Terzo settore e il servizio civile"

In vista della Tavola Rotonda promossa dal ministro Riccardi "Quale riforma per il Servizio Civile Nazionale: proposte e confronto" riportiamo le parole di Don Ciotti in occasione della Giornata della Memoria e dell'Impegno in ricordo delle vittime delle mafie.

pubblicato il 20 marzo 2012 , 828 letture
Don Luigi Ciotti  Il fondatore di LIBERA  imagoeconomica

«Il Governo dei tecnici sta facendo delle cose, e noi vogliamo sottolineare le cose positive. Ma anche, in libertà, portare il nostro contributo per le cose che non vanno, perchè è stata sacrificata l'economia civile: tolta l'Agenzia del Terzo settore, il mancato finanziamento al servizio civile, i fondi per la cooperazione internazionale». Lo ha dichiarato don Luigi Ciotti sabato scorso a Genova, durante il suo intervento alla XVII "Giornata della Memoria e dell'Impegno in ricordo delle vittime delle mafie".

«Tutto il mondo del non profit - ha proseguito - è schiacciato e vive un momento difficile. [...] Abbiamo bisogno veramente che non ci si dimentichi di questo. Dobbiamo creare una saldatura più forte tra risposta sociale e quella economica alla crisi, perchè se non c'è una risposta sociale che comincia dalla dignità del lavoro, non riusciremo mai ad uscire dal problema delle mafie. Il sociale è fondamentale nei nostri territori, è l'anima, è la vita». (Esseciblog)

servizi
 
Non ci sono commenti, vuoi essere il primo?

invia un commento

Argomenti

dillo ai tuoi amici

Inserisci le email separate da una virgola  
il tuo nome  
la tua email  
un breve messaggio  
 
L'utente, nel premere il pulsante "invia", dichiara di aver letto e approvato l'informativa sul trattamento dei dati.