ITALIANI NEL MONDO
[/aree/italiani_nel_mondo]
Dal mondo

Imu, i parlamentari eletti all’estero chiedono agevolazioni per gli emigrati

di 9colonne Agenzia Giornalistica,  pubblicato il 29 maggio 2012 , 928 letture
Roma, 29 mag – “Per soddisfare le legittime richieste delle nostre collettività emigrate e preoccupati per il rischio che molti comuni potrebbero non prevedere nelle loro delibere l’equiparazione all’abitazione principale ai fini Imu della casa posseduta dagli italiani residenti all’estero, i parlamentari Angeli, Bucchino, Farina, Fedi, Garavini, Merlo, Micheloni, Narducci, Picchi, Porta, Randazzo hanno scritto una lettera al presidente dell’Anci (Associazione Nazionale Comuni Italiani), Graziano del Rio, e al presidente dell’Ifel (Istituto per la Finanza e l’Economia Locale), Giuseppe Franco Ferrari, affinché i loro enti si adoperino presso i comuni italiani per chiedere l’introduzione dell’agevolazione fiscale a favore dei nostri connazionali. “Siamo un gruppo di parlamentari eletti nella circoscrizione Estero – si legge nella lettera - sensibili alle sollecitazioni di migliaia di nostri connazionali i quali ci chiedono di intervenire affinché le case da loro possedute in Italia siano considerate abitazioni principali ai fini dell’Imu. Come è noto tale equiparazione era stata introdotta da una legge del 1993 e mantenuta fino al 31 dicembre 2011 quando con l’introduzione della nuova imposta tale agevolazione è cessata. Il decreto fiscale (D.L. n. 16 del 2012) che ha in parte modificato la legge istitutiva dell’Imu ( D.L. n. 201 del 2011) ha tuttavia stabilito che i comuni possono considerare direttamente adibita ad abitazione principale l’unità immobiliare posseduta dai cittadini italiani non residenti nel territorio dello Stato a titolo di proprietà o di usufrutto in Italia, a condizione che non risulti locata. La norma prevede quindi che i comuni, nell’ambito della propria potestà regolamentare, possono estendere alle unità immobiliari possedute in Italia dagli italiani residenti all’estero lo stesso trattamento previsto per l’abitazione principale, vale a dire l’aliquota ridotta e la detrazione di base. Non sappiamo quanti siano ad oggi i comuni che hanno già approvato le delibere sull’Imu e cosa abbiano stabilito rispetto alle case degli emigrati, pur tuttavia - rilevando quanto sia importante dare un segnale di attenzione e di disponibilità alle legittime esigenze, di natura morale e storica, dei nostri connazionali - ci permettiamo di chiedere un vostro interessamento per sensibilizzare i comuni aderenti alla Vostra associazione a farsi carico delle necessità e delle istanze dei cittadini emigrati i quali chiedono che siano mantenute quelle agevolazioni che lo Stato italiano ha riconosciuto con grande lungimiranza fin dal 1993”.
servizi
 
Non ci sono commenti, vuoi essere il primo?

invia un commento

dillo ai tuoi amici

Inserisci le email separate da una virgola  
il tuo nome  
la tua email  
un breve messaggio  
 
L'utente, nel premere il pulsante "invia", dichiara di aver letto e approvato l'informativa sul trattamento dei dati.
[*]