SCHULZ

“Lo straordinario risultato ottenuto da Martin Schulz, eletto all’unanimità nuovo presidente dei socialdemocratici tedeschi e, quindi, candidato del partito alla carica di cancelliere, consente finalmente di competere con Angela Merkel alle prossime elezioni politiche. Una scelta che ci consegna almeno due riflessioni”.

Lo dichiara l’esponente democratico Piero Fassino.

 

“La prima – prosegue Fassino – è il bene primario dell’unità del partito, del valore per una comunità di riconoscersi intorno ad una leadership.

 

La seconda, è l’importanza di tenere legate la figura che si propone per il governo del Paese al leader investito alla guida del partito. Una scelta tanto più valida non solo perchè accade in tutte le altre democrazie parlamentari, ma perchè – conclude Fassino – è anche garanzia di maggiore forza e stretta connessione tra il programma dell’esecutivo per la legislatura e il programma presentato ai cittadini in campagna elettorale”.