Angela Doronzo

“Abbiamo la grande responsablità delle riforme, questo è un Paese talmente fermo da troppo tempo che qualsiasi cosa si faccia è una riforma”. Così la vicesegretaria del PD Debora Serracchiani intervenendo alla scuola di formazione politica del partito. “La prospettiva del PD guardando l’Italia è sicuramente una prospettiva di riforme, ma ormai è tutto riforme visto tutto quello che non è stato fatto in passato”.

Serracchiani ha proseguito: “Le riforme vanno fatte con una certa fretta, noi siamo chiamati a correre perchè il contesto economico impone una marcia in più – ha aggiunto – tra il 2011 e oggi un cambiamento nei numeri c’è stato. La prospettiva del PD guardando all’Italia, è una prospettiva delle riforme, noi abbiamo parlato tantissimo di cambiamento, e dietro questa parola c’è la sfida culturale”.

La vicesegrataria PD ha parlato di due riforme particolarmente importanti: “una riguarda il lavoro, e dietro al jobs act c’è molto di più, noi abbiamo dato un contratto stabile e più tutele, stiamo guardando a 360 gradi al lavoro”.

L’altra riforma epocale sarà quella della Pubblica Amministrazione. “Non si può pensare di toccare il lavoro privato e non il pubblico. Nel passato c’è stata una scelta scientifica di non toccarlo perché era un bacino di voti anche per il centrosinistra. E’ finito il tempo in cui non si toccano alcuni settori. Un partito di centrosinistra si occupa del lavoro e non solo più dei lavoratori: i diritti e le tutele non devono essere divisi, e chi ce le ha se le tiene strette”.

Sui diritti civili indubbiamente anche dal punto di vista culturale, c’è stato un passaggio in avanti straordinario, ma è solo il primo passo, non è un punto di arrivo, il percorso è ancora lungo, e la prossima settimana si parte con il ddl adozioni, adozioni per tutti sia chiaro. Noi non possiamo pensare solo all’economia, alla crescita – ha aggiunto Serracchiani -, ma noi abbiamo il dovere morale di pensare anche alla crescita morale di questo Paese, attraverso l’allargamento dei diritti sociali, la politica deve dare le risposte non può cambiare con il photoshop la fotografia”.

In fine parlando di Europa: “Il PD per quanto riguarda l’Europa, se investe in flessibilità e crescita dà una mano a quell’Europa che è fortemente indebolita da un eccesso di egoismo, dico eccesso di egoismo perché mi pare che ognuno si faccia i conti in tasca propria”, ha concluso.

Foto Angela Doronzo