newsletter

Carissima, carissimo,
Per anni la politica del passato ha pensato di risolvere la degenerazione del sistema di finanziamento pubblico ai partiti attraverso operazioni di maquillage lessicale (vedi alla voce “rimborsi elettorali”).

Noi, tre anni fa, per restituire credibilità alla politica abbiamo voluto e ottenuto la definitiva abolizione del finanziamento pubblico ai partiti, scegliendo di prevedere altre forme di partecipazione che lasciassero ai cittadini la facoltà di decidere se e chi sostenere.

È chiaro che chi attaccava, per fini unicamente strumentali ed elettorali, il mondo della politica che sfruttava i soldi pubblici è ora impegnato ad attaccarlo perché succube dei “poteri forti” e dei relativi soldi privati.

La verità, al di là del qualunquismo imperante, è che il partito democratico è sostenuto prevalentemente dal 2×1000, con cinquecentomila piccole donazioni che mediamente non superano i 14 euro.

È l’incontro tra la tua libertà e la nostra indipendenza a sostanziare il nostro modello di partito: unica vera alternativa al partito-azienda o all’azienda-partito.

Anche quest’anno, in sede di dichiarazione dei redditi, puoi devolvere il tuo 2×1000 al PD, con il codice M20 e la tua firma, qualsiasi sia la modalità da te usata. Inoltre, rimane invariata la possibilità di devolvere il 5×1000 e l’8×1000.

È un gesto semplice che a te, come singolo, non costa nulla ma che ha un grande valore per la comunità. È la dimostrazione che la buona politica può contare sulla sua vera forza: il sostegno delle persone con cui condivide il progetto di crescita del Paese.

Abbiamo fatto molto, ma vogliamo fare ancora di più.
Sostienici con la tua scelta.

Dona il 2×1000 al Pd: con te saremo più forti.

Grazie

Il Tesoriere
Francesco Bonifazi