Image licensed by Ingram Image
Image licensed by Ingram Image

“I decreti legislativi della Buona Scuola, approvati dal Consiglio dei Ministri, nei prossimi giorni saranno nelle mani delle commissioni istruzione di Camera e Senato e saranno una nuova occasione di ascolto e confronto con il mondo della scuola. Colpisce il dibattito che si è aperto sulla nuova maturità, che entrerà in vigore dal 2018, definita da alcuni editorialisti una maturità  “buonista” o del ‘6 politico’”. Lo dice Francesca Puglisi, responsabile Scuola, Università e Ricerca del Pd.

“In verità – aggiunge- il cosiddetto “6 politico” è stato imposto dalla precedente riforma voluta dalla destra. Il Ministro Gelmini aveva stabilito che il voto di condotta facesse media con gli altri e che bastasse una sola insufficienza per non essere ammessi all’esame. Il risultato è chiaro negli esiti dello scorso anno: il 96% degli studenti è stato ammesso all’esame di Stato, ma il 20% di loro aveva insufficienze in una o più discipline, sanate poi dal consiglio di classe durante gli scrutini che trasformava le insufficienze in 6. Un’ingiustizia vera per quei ragazzi che quel 6 se lo erano meritato, rispetto a coloro che invece se lo erano visti attribuire dal consiglio di classe.

Cosa cambia invece con la nuova maturità? I voti reali dell’ultimo anno e dei due precedenti peseranno di più sul voto finale e il credito sarà dato dalla media dei voti, e la pagella riporterà con chiarezza l’eventuale insufficienza. Un criterio dunque senz’altro più trasparente per certificare conoscenze, abilità e competenze dei ragazzi. In ogni caso ascolteremo quanto docenti, studenti e famiglie ci verranno a dire in commissione per esprimere il parere finale al Governo.

Siamo convinti che la responsabilità dei consigli di classe, nella valutazione e nella decisione dell’ammissione o meno degli studenti, debba essere ancora più chiara”.

***

Decreti legislativi di attuazione della legge ‘Buona Scuola’ approvati dal Governo