Image licensed by Ingram Image
Image licensed by Ingram Image

“Se nella legge sulle unioni civili serve ribadire il divieto dell’utero in affitto, lo faremo”. Per il capogruppo dem al Senato Luigi Zanda, intervistato da Repubblica, “l’Italia deve insistere e rendere quanto più effettivo possibile il divieto. Ma avendo molta attenzione a non discriminare o peggio punire i bambini comunque nati”.

 

Sulla ricerca di un compromesso “si esprimerà l’assemblea dei senatori del Pd. Comunque le ipotesi migliorative sono sempre positive, ma dicono no ad arretramenti o a soluzioni confuse”, dichiara Zanda, spiegando di avere “serie perplessità costituzionali sull’affido rafforzato”.

 

“I diritti civili sono una grande priorità per il Pd. Le unioni civili, ma anche lo ius soli e il fine vita. Quindi va fatta una distinzione. L’unica maggioranza politica è quella tra i gruppi che votano la fiducia al governo. Per quelle norme che prevedono la libertà di coscienza e persino il voto segreto bisogna cercare di tutelare la maggioranza, però può accadere che vi siano voti in dissenso”, afferma Zanda, escludendo, tuttavia, le maggioranze variabili.