unioni civili
Image licensed by Ingram Image

“Noi ci crediamo e ci mettiamo la faccia. Il PD mantiene l’impegno: ad un passo da una legge storica. Oggi alle 19 il voto di fiducia”. Il commento dei senatori PD.    

 

Riporta l’accento sull’importanza dei diritti, esortando Ncd a “non alimentare polemiche” il vicesegretario dem, Lorenzo Guerini: “Con il voto di oggi al Senato si fa il primo decisivo passo per l’approvazione di una legge che l’Italia aspetta da oltre 20 anni. E’ un traguardo molto importante che allarga i diritti delle persone. Non occorre per questo alimentare polemiche con dichiarazioni infelici che risultano inutili ed esagerate. Ciò che conta è che si sta rendendo l’Italia un Paese più civile e più moderno, il resto rischia di essere solo propaganda”.  

“Siamo davvero ad un passo da una legge storica, che assegnerà finalmente, dopo un ritardo insopportabile, diritti concreti e pieni alle coppie gay”. Lo dice la senatrice del PD Monica Cirinnà.

“Nel maxi emendamento – prosegue Cirinnà – c’è un passaggio di garanzia che non preclude il lavoro dei magistrati nella tutela della continuità affettiva del minore. Viene inoltre esplicitato il riconoscimento della vita familiare e la norma antidiscriminatoria dell’art 3. Resta fermo l’impegno che mi sento di prendere oggi, raccogliendo le indicazioni del segretario Renzi, di lavorare da subito ad un disegno di legge di riforma delle adozioni”.

*****

“Alla luce dei recenti risvolti parlamentari che hanno visto sfilarsi dalla maggioranza i 5 stelle, abbiamo scelto l’unica strada che potesse in qualche maniera blindare il testo in discussione, sottraendolo ad ulteriori trappole ed emendamenti che avrebbero creato dei buchi nel testo.

Abbiamo scelto l’unica strada possibile per arrivare ad una legge che tutelasse in maniera completa le coppie dello stesso sesso. Una legge che non c’ è mai stata in Italia, attesa da oltre trent’anni, che riconosce diritti e doveri alle coppie che adesso finalmente potranno vedersi garantiti nel loro progetto familiare”. Lo dichiara la responsabile Diritti della Segreteria nazionale del PD, Micaela Campana.

“Lo stralcio della stepchild purtroppo è stata una scelta obbligata dopo il tradimento del movimento cinque stelle e la necessità di trovare una nuova maggioranza parlamentare , ma non dimentichiamo i bambini delle famiglie, intanto mantenendo salva legge vigente e incardinando prestissimo la riforma sulle adozioni. – Continua la responsabile Diritti – Già oggi in commissione giustizia alla Camera abbiamo votato l’indagine conoscitiva. Comprendiamo il rammarico di quanti in queste ore stanno manifestando e con i quali abbiamo sempre tenuto un dialogo costante, ma l’impegno del PD non si ferma qua e la determinazione che tutto il partito ed il governo hanno messo nel portare a casa la legge ne è la dimostrazione”.