irrigazione meccanica di un campo
Image licensed by Ingram Image

Mutui a tasso zero per i giovani, deduzioni Irap, ampliamento dei controlli nella Terra dei fuochi e dematerializzazione dei registri per pasta, zucchero, latte in polvere e burro: #Campolibero è la conferma che l’agroalimentare è tra i grandi temi e le priorità di questo Paese.

Un piano di azioni proposto dal Ministro Maurizio Martina, con un intervento organico per il settore agroalimentare e inserito nella Legge di Stabilità approvata ad agosto 2014: questo è #Campolibero.
Molte misure a favore dei giovani, come i mutui a tasso zero, la detrazione al 19% per affitto dei terreni a under 35 e lo sgravio di 1/3 della retribuzione lorda per assunzioni più stabili. Introdotte anche le deduzioni Irap, che possono arrivare fino a 10.500 euro per lavoro a giovani e donne nelle Regioni al Sud. Spazio anche alla semplificazione con la creazione del registro unico dei controlli, l’estensione dell’uso della diffida prima delle sanzioni amministrative e la dematerializzazione dei registri. Per le imprese, anche della pesca e dell’acquacoltura, tre crediti d’imposta: due al 40% per investimenti fino a 400mila euro per innovazione e per reti d’impresa e uno al 40% fino a 50mila euro per e-commerce.

Le principali misure di “Campolibero”

GIOVANI– Mutui a tasso zero;
– Detrazione per affitto dei terreni al 19% per giovani coltivatori diretti e imprenditori agricoli fino a 35 anni;
– Incentivi all’assunzione di giovani con contratto a tempo indeterminato o determinato di minimo 3 anni, con sgravio di 1/3 della retribuzione lorda;

LAVORO
– Deduzioni Irap per ogni lavoratore assunto con contratto a tempo determinato di almeno 3 anni e per almeno 150 giornate all’anno:
1) un importo pari a 3.750 euro, su base annua, per ogni lavoratore dipendente impiegato nel periodo di imposta, aumentato a 6.750 euro per i lavoratori di sesso femminile nonché per quelli di età inferiore ai 35 anni;
2) un importo fino a 7.500 euro, su base annua, per ogni lavoratore dipendente impiegato nel periodo d’imposta nelle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia, aumentato a 10.500 euro per i lavoratori di sesso femminile nonché per quelli di età inferiore ai 35 anni; tale deduzione è alternativa a quella di cui al numero 1), e può essere fruita nel rispetto dei limiti derivanti dall’applicazione della regola de minimis di cui al regolamento (CE) n. 69/2001 della Commissione, del 12 gennaio 2001, e successive modificazioni;
3) il 50 per cento dei contributi assistenziali e previdenziali relativi ai lavoratori assunti con il contratto a tempo determinato avente le caratteristiche indicate sopra.
– Rete del lavoro agricolo di qualità contro il sommerso e per promuovere la regolarità delle imprese agricole, certificandone l’attività;

SEMPLIFICAZIONI
– Registro unico dei controlli;
– Estensione della diffida prima delle sanzioni amministrative pecuniarie;
– Dematerializzazione dei registri;
– Semplificazioni nel settore vitivinicolo;

INNOVAZIONI D’IMPRESA
– Credito d’imposta per innovazione e sviluppo di prodotti e tecnologie al 40% degli investimenti fino a 400mila euro;
– Credito d’imposta per nuove reti d’impresa di produzione alimentare al 40% degli investimenti e fino a 400mila euro;
– Credito d’imposta per l’e-commerce di prodotti agroalimentari al 40% degli investimenti e fino a 50mila euro;
– Avvio del sistema di consulenza aziendale in agricoltura;

SICUREZZA
– Rafforzamento azioni nella Terra dei fuochi con possibilità di ampliare i controlli;

OGM
– Introduzione di sanzioni per chi coltiva Ogm in Italia e rafforzamento degli strumenti per assicurare l’effettività del divieto sul territorio nazionale.

#cosefatte
8 gennaio 2015 – Firmati i decreti attuativi Campolibero per la dematerializzazione dei registri per pasta, zucchero, latte in polvere e burro
6 novembre 2014 – Pubblicata dall’Inps circolare attuativa misure Campolibero per assunzioni under 35
21 agosto 2014 – Pubblicata la Circolare dell’ICQRF con cui si forniscono ulteriori indicazioni per l’operatività del Decreto “Campolibero”
11 agosto 2014 – Il Dl Competitività in cui sono contenute le azioni di Campolibero viene convertito in legge
25 luglio 2014 – Senato approva Dl Competitività in cui sono contenuti gli emendamenti relativi al piano Campolibero
4 luglio 2014 – Pubblicata la Circolare applicativa con cui si illustrano gli aspetti operativi di alcune delle più significative misure recate dal Decreto Campolibero tra cui semplificazione nei controlli, diffida, pagamento sanzione ridotta, semplificazione in materia vitivinicola
13 giugno 2014 – Approvate in Consiglio dei Ministri le prime misure urgenti del Piano #campolibero
2 maggio 2014 – Presentato il piano di azioni per l’agroalimentare italiano. Le diciotto azioni da implementare con le migliaia di proposte arrivate dai cittadini
9 aprile 2014 – Aperta call pubblica per incrementare le azioni del piano grazie al contributo dei cittadini