“Perché questo governo ha bloccato gli 800 milioni che la Banca Europea degli Investimenti era pronta a erogare all’Italia per diversi interventi di mitigazione del rischio idrogeologico sul territorio?

Perché questo governo ha smantellato l’Unità di missione nazionale #Italiasicura dedicata proprio alla prevenzione del rischio, che dal 2014 operava su scala nazionale per impostare una strategia complessiva su un tema così delicato e cruciale? Perché ha bloccato, così facendo, tutti gli Accordi di programma impostati?

Perché Lega e Cinque Stelle non hanno mai sostenuto la legge contro il consumo di suolo che abbiamo approvato in prima lettura alla Camera nella passata legislatura?

E perché, invece, Lega e Cinque Stelle proprio la settimana scorsa nel decreto per Genova hanno votato il condono edilizio per Ischia, segnando così il ritorno delle scelte politiche peggiori per la cura dei nostri territori al sud come al Nord?

Un Paese come l’Italia ha bisogno urgentemente di rendersi conto dell’emergenza che sta vivendo per la cura del suo territorio. Chiediamo anche per questo una sessione straordinaria di discussione in Parlamento sulle strategie di lotta al dissesto idrogeologico e al cambiamento climatico.

Chiediamo un confronto urgente e trasparente anche con il contributo di associazioni, Enti e professionalità, sulle migliori azioni da intraprendere ora per fronteggiare questa priorità. Siamo pronti a confrontarci con le nostre idee, consapevoli del tanto lavoro fatto in questi ultimi anni, che rischia oggi di essere vanificato da scelte miopi, dettate solo dall’ansia di distruggere tutto quello che si è fatto prima. Ma a rimetterci, così, è il Paese”.

E’ quanto scrive su Facebook il segretario uscente del PD, Maurizio Martina, commentando gli ultimi tragici accadimenti che hanno coinvolto il nostro Paese a seguito del maltempo.