immigrati integrati3

Secondo Save the Children sono piu? di 800 mila i bambini e i ragazzi di origine straniera nelle scuole italiane. Si tratta di una presenza significativa di studenti considerati ?stranieri? solo a causa della nazionalita? estera dei genitori, mentre sono una parte importante dell’identita? del nostro paese. Il portavoce di G2 Seconde Generazioni ha auspicato “di poter arrivare al più presto alla promulgazione di una legge sulla cittadinanza piu? aperta verso i figli dell’immigrazione”.

Per le seconde generazioni tutte le novità per acquisire, alla maggiore età, la cittadinanza italiana.

Per accedere al documento integrale, clicca qui



L’ introduzione  alla guida del presidente Anci Piero Fassino

Care ragazze, cari ragazzi, 
ci rivolgiamo a voi, giovani nati da genitori stranieri che avete sempre vissuto in Italia, perché rappresentate il futuro del nostro Paese. 
Siamo consapevoli che la ricchezza di esperienze e di cultura, di cui siete portatori, potrà esprimersi in tutta la sua potenzialità solo se accompagnata da un cambiamento di passo dal contesto culturale e amministrativo del nostro Paese, a partire dalle norme che regolano il riconoscimento della cittadinanza italiana, il cui portato simbolico e concreto sono di grande evidenza.
Essere cittadini italiani implica essere riconosciuti a pieno titolo parte integrante del tessuto sociale nel quale siete nati e cresciuti, a partire proprio dai territori nei quali abitate. Come voi ci insegnate ogni giorno, infatti, è proprio la dimensione locale il contesto migliore per affermare la vostra appartenenza. L’auspicio di ANCI, che è la casa dei Comuni, è che sentiate il Sindaco della vostra città sempre al vostro fianco, nel complesso ma avvincente percorso della piena integrazione. 
Con l’aggiornamento della Guida ?18 anni… in COMUNE?, vogliamo ricordarvi che, se siete nati in Italia, avete diritto ad acquisire la cittadinanza italiana al compimento dei 18 anni. Vogliamo anche informarvi che, secondo quanto stabilito dall’art. 33 c. 2 della legge 98/2013, i Sindaci del vostro Comune sono tenuti per legge ad informarvi di questo diritto, permettendovi di esercitarlo, se sarà questa la vostra scelta, tempestivamente. 
Più sarà pieno e convinto da parte vostra l’esercizio dei diritti che la legge vi riconosce, maggiore sarà il vostro contributo nel rendere l’Italia un Paese inclusivo, aperto, moderno. Siamo convinti che il capitale umano è la più grande risorsa di cui disponiamo. La nostra speranza è che ogni bambina e bambino e ogni adolescente possano essere orgogliosi tanto della propria identità quanto della propria nuova Patria. 
Siamo sicuri che accoglierete questo invito e che sarete sempre fieri di essere cresciuti in un paese come l’Italia che sempre ha voluto fare della diversità culturale e dello spirito di solidarietà un proprio imprescindibile e fondante valore. Un caro saluto e buona fortuna! 
Piero Fassino