La Commissione nazionale per il Congresso, riunitasi in data 7 febbraio 2019,
valutate le richieste della Commissione Estero per il Congresso

delibera

  1. le operazioni di voto nella Circoscrizione estero devono essere effettuate dalle ore 08,00 alle ore 20.00 locali in ogni singolo Stato;
  2. possono partecipare al voto per le primarie del 3 marzo 2019 esclusivamente tutte le elettrici e gli elettori italiani che rientrino nei requisiti di cui all’art. 2, comma 3, dello Statuto del PD, residenti all’Estero, compresi coloro che non sono iscritti all’AIRE, nonché residenti in Italia e temporaneamente all’Estero, senza obbligo di preregistrazione, salvo quanto stabilito al successivo punto 3);
  3. solo per le zone di confine, non sarà consentito il voto alle elettrici e agli elettori italiani residenti in Italia e temporaneamente all’Estero, salvo che abbiano provveduto ad effettuare la preregistrazione on-line prevista per i “fuori sede”, di cui alla Delibera n. 41 di questa Commissione;
  4. le operazioni di scrutinio dei voti raccolti nella Circoscrizione estero iniziano immediatamente dopo la chiusura del seggio, e si svolgono alla esclusiva presenza dei componenti del seggio e dei rappresentanti delle liste di candidati all’Assemblea nazionale ammesse, ai quali tutti è fatto divieto di divulgazione parziale o totale dei dati fino alle 20.00 – ora italiana – del 3 marzo 2019, a pena di deferimento alla Commissione nazionale di Garanzia. Lo stesso divieto è riferito ai componenti della Commissione Estero e della Commissione nazionale per il Congresso, ivi inclusi i rappresentanti dei candidati. Al termine dello scrutinio, il Presidente del seggio trasmette i dati alla Commissione Estero, secondo le modalità dalla stessa stabilite;
  5. in considerazione delle particolari condizioni socio-economiche, la Commissione Estero per il Congresso, fermo restando l’obbligatorietà di contribuzione prevista dalla Statuto del PD, potrà stabilire che le elettrici e gli elettori del PD degli Stati ricompresi nel Sud America versino, per poter votare alle primarie, una quota inferiore al corrispettivo, in moneta locale, di 2 euro. La Commissione Estero per il Congresso dovrà, in tal caso, specificare l’ammontare del versamento minimo obbligatorio.

 
Scarica la Delibera n. 47 – Voto e scrutinio Estero