Segno più per la cultura e il turismo nei primi tre mesi dell’anno: cresce il consumo di musei, libri, cinema, lirica e aumentano i viaggiatori nelle strutture alberghiere ed extra alberghiere. I dati, che confermano e consolidano il trend del 2014, sono stati resi noti dal ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Dario Franceschini.

Aumentano, nei primi tre mesi dell’anno, i numeri dei visitatori dei musei e delle aree archeologiche, crescono i biglietti venduti nei cinema italiani, aumentano le copie vendute nelle librerie indipendenti e le vendite di ebook, crescono significativamente anche le presenze in tre importanti fondazioni lirico sinfoniche. Positivi anche i dati del turismo per gli esercizi alberghieri ed extra alberghieri, che registrano l’aumento sia dei viaggiatori nazionali che internazionali.

“La scelta degli italiani di tornare a spendere per leggere, visitare i musei, andare al cinema o viaggiare – spiega Franceschini – è segno di un nuovo clima di fiducia e ripresa. I dati del primo trimestre sui consumi in cultura e turismo sono molto positivi non solo per il loro valore economico ma perché mostrano la voglia degli italiani di riappropriarsi e vivere in maniera diretta il patrimonio culturale e il presente della scena artistica”.

I numeri

MUSEI – Le cifre diffuse dal ministero di via del Collegio Romano evidenziano, nel primo trimestre 2015 (fonte Ufficio statistica Mibact), l’aumento del 9,93% dei visitatori dei musei e delle aree archeologiche (+653.055); del 10,86% dei visitatori non paganti (+412.826); del 12,76% per gli introiti dei musei, pari a oltre due milioni in più (+2.323.855 euro).

LIBRI – Le librerie indipendenti (fonte Aie, Associazione italiana editori) sono cresciute del 2,3% per copie vendute e dell’1,9% in termini di valore delle vendite. In crescita anche il settore ‘bambini e ragazzi’ e le vendite degli ebook.

CINEMA – Sorride anche il cinema: nei primi tre mesi dell’anno (fonte Siae) la spesa al botteghino cresce del 6,5%, cioè di oltre 12 milioni (pari a +12.937.430 euro) e gli ingressi del 4,73% (+1.546.149 biglietti venduti).

LIRICA – In crescita significativa le presenze in tre importanti fondazioni lirico sinfoniche (in base ai loro dati diretti): oltre 25 mila in più per il Teatro dell’Opera di Roma che passa da 72.685 del primo semestre 2014 a 98.365 (+35.33%) dei primi sei mesi dell’anno, +18.751 mila per la Fenice di Venezia (da 84.582 a 103.333, +22,17%), 3.600 in più per l’Arena di Verona (da 77.465 a 81.064, +4,65%).

TURISMO – Nel primo trimestre 2015 (dati Istat) gli arrivi totali nelle strutture ricettive sono stati 16.420.816, con un +1,5% (+242.567) rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso; le presenze totali 48.190.320 (+0,2%, +106.521). In particolare, gli arrivi internazionali sono stati 7.051.420 (+5,3%, +355.695), le presenze internazionali 23.790.021 (+3,7%, +844.058).