Una cosa e` certa, non possiamo andare fieri di quanto sia successo e quanto stia succedendo oggi a Toronto. Un Comites irregolarmente eletto che pensa e rifiuta di accettare la verita` politica delle cose.
Ormai i cittadini sono l’ultima ruota del carro. I meno importanti.
Si mette assieme l’illegalita`con la legalita` come se si trattasse di pasta e fagioli.
La legalita` e` il rispetto e la pratica delle leggi, e` un’esperienza fondamentale della vita sociale per promuevere il pieno sviluppo della persona umana.
Il contrario di legalita` invece sono la crescita dell’individualismo e della tendenza a fare i propri comodi. La legalita` e` anche Liberta` che come ebbe a cantare GIORGIO GABER “La liberta` non e`uno spazio libero non e` salire su un albero, non e` un’opzione, LA LIBERTA` E` PARTECIPAZIONE”.
Di solito si pensa che sia solo la possibilita` di avere e fare cio`che si vuole, ma significa la possibilita` di esprimere se stessi, la capacita`di pecepire cio` che realmente e` importante per se, esprimerlo e metterlo in pratica.

Tanti sono gli esempi di comportamenti illegali. C’e` chi non rispetta i cartelli stradali e chi ruba nei negozi. C’e` chi si spaccia di essere avvocato ed invece non e` neanche un portaborse, ma bravo a truffare la povera gente rubando loro quei pochi risparmi di una vita.
Qualsiasi persona potrebbe nascondersi dietro una maschera, potrebbe essere un ladro, e subito dopo sembrare la persona piu` innocente di tutta la terra. I principi della legalita` si apprendono dalla nascita, prima all’interno della famiglia, poi nella scuola e nella societa`. Percio` rivolgendomi ai Centro Scuola e Cultura dico: come possiamo noi mandare a scuola figli, e nel mio caso nipoti, se coloro che insegnano sono coscienti di irregolarità palesi rispetto alle leggi e continuano a ignorarle ed andare avanti come se tutto fosse regolare e naturale?
Non creiamo a Toronto una situazione di irregolarità permanente e tollerata (Comites-Centro Scuola). Noi cittadini Italiani, veniamo prima dei vostri interessi.
Avere un Presidente del Comites ed altri consiglieri eletti con irregolarità palesi nella raccolta firme e che insegnano nella vostra struttura non vi dice niente? Non rischia di configurare un palese conflitto di interesse e il sospetto, tra le famiglie e gli italiani, che si voglia rimanere al Comites, nonostante le irregolarità, per poter esprimere un parere sui contributi che lo Stato assegna per i corsi? Per il bene e il buon nome della comunità italiana e per evitare questi dubbi di conflitto di interesse, torno a chiedere le dimissioni dei consiglieri interessati.

Mario Marra
segretario PD canada​