“La Camera oggi ha approvato, con l’eccezione della Lega di Salvini, una serie di mozioni presentate da parte dei diversi gruppi parlamentari sul rilancio del Mezzogiorno. E’ sicuramente un evento politico di assoluta rilevanza”.

Così i deputati Luigi Famiglietti, primo firmatario della mozione del gruppo Pd alla Camera e Stefania Covello, responsabile Mezzogiorno del Pd

“La Camera oggi ha approvato, con l’eccezione della Lega di Salvini, una serie di mozioni presentate da parte dei diversi gruppi parlamentari sul rilancio del Mezzogiorno. E’ sicuramente un evento politico di assoluta rilevanza”.

È quanto affermano i deputati Luigi Famiglietti, primo firmatario della mozione del gruppo PD alla Camera e Stefania Covello, responsabile Mezzogiorno della segreteria nazionale PD.

“L’esecutivo Renzi – prosegue Famiglietti – ha posto il Mezzogiorno al centro del dibattito politico e della sua azione. Il nuovo accordo di partenariato sui fondi comunitari per il periodo 2014-2020, la questione Ilva, Bagnoli la risoluzione di alcune significative crisi industriali come Irisbus, Termini Imerese, il fatto che la Fiat torni ad assumere a Melfi e Termoli sono segnali importanti”.

“La mozione del PD – prosegue Famiglietti – impegna inoltre il governo ad intervenire sul credito, sul disagio sociale, a rilanciare le aree interne, ad affrontare la questione mobilità e infrastrutture, ad individuare poteri sostitutivi in casi di inadempienza nonché ad indire entro l’anno una conferenza nazionale sul Sud coinvolgendo tutti i soggetti istituzionali e sociali per uno sviluppo davvero partecipato”.

“Sono questi gli obiettivi – afferma la Covello – su cui il PD concentrerà la sua azione politica e parlamentare conoscendo le difficoltà e avendo la consapevolezza che l’Italia potrà uscire dalla crisi solo se il Sud tornerà a crescere”.