“Effettivamente il fenomeno è diventato enorme ed insostenibile, purtroppo il Pd da solo non può fare niente”. Lo dice, in un’intervista a Qn, il deputato Pd David Ermini, responsabile Giustizia del partito, a proposito dei cambi di casacca in legislatura, suggerendo di far “dimettere chi cambia giubba”.

Per Ermini non si può intervenire nella giunta per il Regolamento, perchè “non è formata in modo proporzionale ai gruppi. Quindi non c’è una maggioranza che corrisponde a quella di governo. Per essere più chiari: il Pd non riesce a muovere niente nell’organismo, avendo solo cinque membri”.

Ad ogni modo, spiega, “quello regolamentare secondo noi è l’ultimo passaggio da fare. Prima bisogna fare la legge sulla democrazia nei partiti – che tra l’altro attua l’articolo 49 della Costituzione – altrimenti i parlamentari rischiano di fare la fine dei cinquestelle. Con Grillo che obbliga i suoi a trasferirsi nel gruppo dell’Alde in Europa e poi costringe chi vuole andare da un’altra parte a pagare una penale”.

Più che multare, aggiunge, “io farei invece dimettere chi cambia giubba. Però una regola così drastica la puoi inserire solo dopo aver varato una legge sui partiti e aver modificato l’articolo 67 della Costituzione. Altrimenti, qualunque intervento che si fa sui regolamenti rischia di essere incostituzionale”.

“Io sono per togliere il vincolo di mandato”, sottolinea, “però, ripeto, prima bisogna intervenire sui partiti: non è ammissibile che uno si svegli la mattina e il suo blog ti dica quello che devi fare. Una volta messo mano alla Costituzione, poi si può fare una legge ordinaria che ti spieghi come cambia il quadro e se è necessario si interviene anche con i regolamenti”.