“Le oltraggiose scritte che hanno imbrattato i muri di Locri testimoniano la necessità di non abbassare mai la guardia nei confronti della criminalità organizzata. Un segno pericoloso di sfida verso le Istituzioni che sono chiamate a reagire. Le parole pronunciate ieri dal Presidente della Repubblica sono state dure e vere e, con un messaggio forte, non di circostanza. Parole che danno coraggio ad una terra che non vuole rassegnarsi alla prevaricazione criminale. Piena e assoluta solidarietà a Don Ciotti e alla chiesa di Locri. La straordinaria partecipazione di ieri a Locri è stata la più autentica dimostrazione che lo Stato è più forte e può vincere questa guerra”. Lo afferma la deputata del Pd Stefania Covello.