“Alla convocazione del DG Campo Dall’Orto, si aggiunga la Convocazione urgente in Vigilanza di Usigrai e Adrai. La politica deve sapere e deve spingere la Rai ad accelerare sulla trasparenza, e la loro interlocuzione è fondamentale. Il ‘piano trasparenza’ è solo il primo passo, l’obiettivo è andare fino in fondo e buttare gi ù il muro che impedisce alla Rai di essere una ‘casa di vetro’ come il servizio pubblico impone. La Rai metta online tutti i compensi, compresi quelli di tutti i conduttori, delle consulenze manageriali, dei contratti con le società di produzione. La Rai va aperta e reinventata a partire dai suoi comportamenti, questa è la grande occasione che abbiamo grazie alla riforma della ‘governance’ voluta dal Pd. L’operazione verità deve andare fino in fondo per bonificare spese e retribuzioni ingiusticate e permettere di rompere il monopolio del cartello di produttori e manager (sempre gli stessi) che da anni condizionano l’offerta della Rai”. Lo dichiara il senatore Francesco Verducci, vicepresidente della Commissione di Vigilanza Rai.