Continua la presa in giro degli italiani da parte di Lega e M5S

“#FlatTax. Continua la presa in giro degli italiani da parte di Lega e M5S. Sulle imprese fanno finta di non sapere che abbiamo già fatto noi: Ires (dal 27,5 al 24%) e Iri (al 24% per le Pmi) #bastapropaganda”. E’ quanto scrive su Twitter il segretario reggente del PD, Maurizio Martina.

La flat tax sui redditi di impresa esiste da qualche decennio

Anche Luigi Marattin, parlamentare del PD, commenta le dichiarazioni del sottosegretario Bagnai sulla flat tax. “E’ inconcepibile un livello di ignoranza e approssimazione simile. La flat tax sui redditi di impresa esiste da qualche decennio. Prima si chiamava IRPEG, e ora si chiama Ires, e tassa proporzionalmente i redditi delle società di capitali. E a ridurla – dal 27,5% al 24% – è stato il governo Renzi.

Nel caso il futuro sottosegretario Bagnai si riferisse, invece, agli utili di impresa delle società di persone, anche quella esiste già: si chiama Iri, e l’ha fatta sempre il governo Renzi”.

L’unica novità nelle dichiarazioni di Bagnai è l’annuncio del rinvio al 2020 della Flat tax per le famiglie

“Certo, se per ‘cambiamento’ s’intende annunciare provvedimenti già presi da altri possiamo quanto meno stare tranquilli che i guasti saranno limitati. Ma l’unica novità nelle dichiarazioni di Bagnai è semmai l’annuncio del rinvio alle calende greche della Flat tax per le famiglie, per mesi al centro della campagna elettorale della Lega e poi, una volta al governo, rimandata – per ora – al 2020”.

Lo afferma in una nota Tommaso Nannicini, senatore del PD e già sottosegretario alla presidenza del Consiglio nel governo Renzi, commentando le affermazioni del senatore della Lega Bagnai.

“Dopo il rinvio della Flat tax sine die e l’avvio di quella per le imprese già adottata dal governo Renzi, i presidenti del consiglio associati Di Maio e Salvini comunicheranno l’approvazione degli 80 euro”. Così il capogruppo del Pd a Palazzo Madama, Andrea Marcucci, ironizza sulla sua pagina Facebook commentando le affermazioni del parlamentare leghista Alberto Bagnai.

Già il governo Renzi ha abbassato l’Ires dal 27,5 al 24%, mentre per le piccole imprese ha creato l’Iri al 24% (in vigore dal 2019)

“Il nostro Tommaso Nannicini ha dovuto ricordare agli esponenti del governo – sottolinea Marcucci – che la Flat tax per le imprese c’è già: alle società di capitali il governo Renzi ha abbassato l’Ires dal 27,5 al 24%, mentre per le piccole imprese ha creato l’Iri al 24% (in vigore dal 2019). Ma nei prossimi giorni – prevede il capogruppo Pd – arriverà il secondo annuncio eclatante, i due presidenti del Consiglio associati renderanno nota l’approvazione di una misura strutturale per la ridistribuzione e l’abbassamento delle tasse e della pressione fiscale per il ceto medio degli ultimi anni. Ovvero 80 euro per aiutare le famiglie dai redditi medio-bassi con 960 euro l’anno a testa, per sempre. Dite che qualcuno lo ha già fatto? Che importa, Lega e M5S proveranno a rivenderselo”, conclude.