DEBORA SERRACCHIANI
DEBORA SERRACCHIANI - Image licensed by Imagoeconomica

“L’anno bellissimo di cui vagheggiava il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, sta facendo i conti, di giorno in giorno, con i duri numeri della realtà.

I dati diffusi dall’Istat sull’industria, i numerini che non piacciono ai Salvini e Di Maio, suonano l’ennesimo campanello d’allarme, con un -1% del fatturato e un ancora più grave per le prospettive future -2,4% degli ordini registrato ad aprile.

Un trend negativo che diventa drammatico nel comparto dell’auto, dove, sempre ad aprile, si registra -8,6% sul fatturato e -11,6% negli ordini. Si tratta di indicatori, questi ultimi, che dovrebbero condurre a un’immediata convocazione di un tavolo specifico sull’automotive da parte del ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico.

Se il governo, che sta dimostrando di viaggiare di notte a fari spenti, non vuole ascoltare i suggerimenti del Partito Democratico, ascolti almeno le migliaia e migliaia di metalmeccanici che stanno scioperando oggi in tutta Italia proprio per mettere al centro dell’agenda dell’esecutivo il tema del lavoro”.

Così Debora Serracchiani, capogruppo Pd in commissione Lavoro alla Camera.