“Come PD avevamo sollecitato, dopo il decreto ‘Sostegni’, un ulteriore, massiccio intervento in favore delle attività economiche più in difficoltà.

 

Il decreto legge appena approvato dal consiglio dei ministri va in questa direzione, utilizzando i 40 miliardi di deficit autorizzati dal Parlamento per una nuova tornata di contributi a fondo perduto, per finanziare il taglio di una serie di costi fissi delle imprese, dagli affitti alla tassa rifiuti, e per rafforzare le misure per la liquidità, dalla moratoria sui prestiti – che viene prorogata a fine anno – all’allungamento della durata dei prestiti garantiti dallo Stato.

Il decreto contiene importanti interventi sociali, dalla proroga del reddito di emergenza ai fondi per gli aiuti comunali alle famiglie più fragili.

 

Una serie di proposte specifiche che avevamo presentato per il turismo e lo sport sono state raccolte.

Uno dei punti più qualificanti del decreto è il pacchetto di misure anti licenziamenti fortemente voluto dal ministro PD Andrea Orlando, dalla proroga il blocco dei licenziamenti al 28 agosto per le aziende che chiederanno la cassa Covid entro fine giugno al taglio del costo del lavoro per le imprese del turismo e del commercio che manterranno l’occupazione e per quelle che assumeranno disoccupati con il contratto di rioccupazione, fino all’eliminazione del décalage della Naspi per tutto il 2021, alla proroga la Cassa integrazione per cessazione e al potenziamento di strumenti utilissimi per la gestione delle crisi aziendali come il contratto di espansione (che permette il prepensionamento dei lavoratori con la contestuale assunzione di giovani) e il contratto di solidarietà. Sono misure importanti e innovative, che rispondono alle preoccupazioni di un Paese che sta finalmente uscendo dall’emergenza ma che ha di fronte mesi ancora complicati”.

Così in un post su Fb Antonio Misiani, responsabile Economia e Finanze nella segreteria  del PD.