Image licensed by Ingram Image

Il Fmi ha appena sfornato un’imponente ricerca sui danni del sessismo. “In più di 40 nazioni, tra cui molte ricche e avanzate, si perde più del 15% della ricchezza potenziale, per effetto delle discriminazioni contro le donne”, sentenzia la ricerca.

Si va dal 5% di Pil “perduto” negli Stati Uniti, al 9% in Giappone, fino a punte del 34% in Egitto. L’Italia? Si colloca in una fascia alta… cioè arretrata. Il 15% del Pil potenziale non viene realizzato in Italia, a causa delle discriminazioni contro le donne. Il triplo del danno economico americano, è quello provocato dalle discriminazioni contro le italiane.
Le conclusioni dell’Fmi evidenziano come i paesi che privano le donne di opportunità s’impoveriscono, rinunciano a dinamismo e benessere. I casi estremi sono quelle nazioni dove legislazioni arcaiche vietano alle donne alcune professioni, le escludono dai diritti di proprietà, subordinano le loro decisioni economiche al consenso dei mariti o dei padri. Ma anche l’Occidente industrializzato soffre di un divario persistente. Non abbiamo così tante donne imprenditrici o scienziate, quante potrebbero essercene se “il campo di gioco” fosse orizzontale, livellato, uguale per tutti.
Novemila miliardi di dollari all’anno, è la ricchezza non realizzata per effetto di tutte quelle donne e ragazze che devono accontentarsi di un piano B, di una soluzione di ripiego, rispetto al loro talento. Paesi avanzati come gli Stati Uniti continuano a registrare un divario retributivo sistematico: a parità di competenza e di qualifica, di mansione e di responsabilità, una donna guadagna l’85% del suo collega maschio. Un test americano recente ha dimostrato che il capo del personale di un’azienda, di fronte al curriculum vitae di due candidati, “premia” automaticamente il maschio.