“I dati sull’occupazione diffusi dall’Istat non sono male ma il vicepremier Di Maio sta facendo di tutto per peggiorarli, con la disastrosa gestione dei dossier ILVA, Alitalia e Atlantia e l’assenza dai 158 tavoli di crisi aperti con 300 mila posti di lavoro a rischio.

Il boom della cassa integrazione straordinaria e la permanente debolezza della congiuntura economica evidenziata oggi dal Centro studi di Confindustria rendono del tutto fuori luogo ogni trionfalismo.

I lavoratori e gli imprenditori italiani non sanno che farsene dei proclami propagandistici sui social.

L’unica cosa di cui hanno bisogno è una reale presenza del governo sui problemi concreti del Paese”. Lo scrive in una nota il senatore e responsabile economico del PD Antonio Misiani.