Image licensed by Ingram Image

 

“I sindacati, le imprese, le categorie produttive, tutto il mondo che tiene in piedi l’Italia sottolinea come la priorità sia tagliare le tasse sui lavoratori.

 

Sono mesi che la nostra proposta è sul tavolo: meno IRPEF sugli stipendi per aumentare le buste paga fino a 1.500 euro netti in più all’anno.

 

Il governo, invece, continua a chiacchierare sulla cosiddetta flat tax, peraltro mai resa esplicita nero su bianco.

 

Salvini la fa presentare alle parti sociali da Siri mentre Di Maio prima dice che è d’accordo, basta che non si tocchino gli 80 euro, salvo poi scrivere ai giornali per attaccare Salvini e dire che quel che serve è tagliare il cuneo fiscale. Ben arrivato!

 

Nel frattempo la pressione fiscale cresce, i tagli ci sono ma ai servizi pubblici, l’aumento dell’Iva è alle porte e nessuno dal governo dice come scongiurarlo. Conte, Salvini e Di Maio si fanno i dispetti e non decidono più su nulla. Sono dei parolai inutili e dannosi. L’Italia non si merita un governo così”.

 

Così Antonio Misiani in una nota, responsabile economico del PD.