Dobbiamo combattere per difendere la Basilicata, dobbiamo fare argine

“Noi dobbiamo combattere per difendere la Basilicata, dobbiamo fare argine. Ma attenti, lo dico senza polemica: l’unico modo che esiste per fermare questa
maggioranza, l’unico voto utile è quello dato a chi può vincere, gli altri sono voti buttati”.

 

Il centrosinistra l’unica coalizione in grado di fermare chi ha fatto fermare il Paese e sta provocando disastri

 

Nicola Zingaretti, chiudendo la sua prima campagna elettorale nel ruolo di segretario del PD, dalla piazza di Matera, sottolinea come sia il centrosinistra
“ampio, plurale e unitario”, l’unica coalizione in grado di fermare “una coalizione che ha fatto fermare il Paese e sta provocando disastri”.

 

A fianco al candidato presidente della Regione Basilicata,  Carlo Trerotola, ricorda che “i selfie, i sorrisi sono simpatici”. “Ma la disoccupazione crescente, i giovani che vanno via, la crisi economica, quella non è simpatica. Basta con le bugie”, aggiunge tra gli applausi di una piazza gremita.

 

Quel milione e seicentomila persone in fila ai gazebo ci ridanno speranza ad impegnarci per l’Italia

“Noi abbiamo ora bisogno di ritrovare grande speranza: ammetto che io dopo il 4 marzo l’avevo persa. Ma dopo siamo tornati a vincere. E poi – ha proseguito tra gli applausi – c’è stato quel milione e seicentomila di persone in fila, tanti che
non avevano votato PD, ma che hanno deciso di ridare speranza all’idea di impegnarsi per l’Italia, di battersi per difendere l’intelligenza delle persone, contro chi non pensa al Paese ma solo ai propri interessi”.

*****

Zingaretti: il Mezzogiorno è un tema rimosso da chi ha chiesto voti per suo riscatto