©Imagoeconomica

“Ripuliremo Roma entro Natale”.

Lo ha detto Roberto Gualtieri, nuovo sindaco della capitale, al forum ospitato da la Repubblica.

“Oggi (ieri, ndr ) abbiamo incontrato i vertici di Ama e stiamo programmando la pulizia straordinaria di Roma – spiega -. Pensiamo di farcela per Natale, forse prima se riusciremo a essere rapidi. Rimuoveremo i cumuli di rifiuti, spazzeremo e puliremo le strade, sfalceremo l’erba e puliremo le caditoie. Il perno sarà Ama, ma ci saranno supporti esterni”.

“Partiremo dalla pulizia e dalla manutenzione, anche valorizzando il contributo dei romani che ci vorranno aiutare. Poi cercheremo di far subito ripartire gli uffici e sbloccare tante cose che sono ferme – ha aggiunto -.

Bisogna stare sul pezzo. Lavoreremo al patto per il lavoro e lo sviluppo daremo un segnale di slancio, di unità e di condivisione di obiettivi con le forze sociali e produttive. Serve un cambio di passo. Vogliamo dare la scossa, fare in modo che venga percepita dai romani”.

Sulla Roma post covid il neosindaco conclude: “Roma può essere all’avanguardia sulla transizione ecologica. Lavoreremo sulla città dei 15 minuti, sull’innovazione, la cultura, le infrastrutture sociali e la rigenerazione urbana. Sulla carta possiamo intercettare almeno 6 miliardi di euro con i fondi del Pnrr e 1,1 miliardi per il Giubileo. Una cifra che cercherò di aumentare. A questi poi si aggiungono le risorse per la digitalizzazione, le imprese e la ricerca, il 110% che useremo anche per le case popolari del Comune. Insomma, si può cambiare il volto della città e anche gli investitori internazionali lo hanno capito”.