Imagoeconomica

“La proposta della Commissione Europea riguardo la nuova metodologia di calcolo del dumping, che rappresenta la risposta europea al problema del riconoscimento dello status di economia di mercato alla Cina, è stata giudicata dal Parlamento, in un rapporto votato lo scorso mese, inadeguata alle sfide che si prefiggeva di affrontare. Il problema è che la posizione del Consiglio dell’Ue, ossia dei governi degli Stati membri, è anch’essa scarsamente ambiziosa.

Sono iniziati oggi i negoziati tra Parlamento, Consiglio e Commissione per giungere a un testo comune: il nostro obiettivo sarà quello di migliorare l’efficacia di questa importante legislazione. La prima preoccupazione è quella di difendere lavoratori e imprese da una competizione sleale, sia essa dovuta all’intervento dello Stato nell’economia o a condizioni di lavoro che non rispettano gli standard europei in termini di diritti dei lavoratori e tutela dell’ambiente”. Lo dichiara in una nota Alessia Mosca, europarlamentare Pd e coordinatrice del gruppo dei Socialisti e Democratici in commissione Commercio Internazionale.