Il programma dei dibattiti (ultimo aggiornamento 10 settembre ore 13.00):

* Tutti i dibattiti in Sala Nilde Iotti saranno in diretta su YouTube PDRadio Immagina e Radio Radicale

** Tutti i dibattiti in Sala Franco Marini saranno trasmessi in diretta su Radio Radicale

*****************

110 dibattiti, 500 partecipanti, circa il 50% di donne, e dunque parità di genere pressoché totale nelle presenze: sono i numeri della Festa Nazionale dell’Unità, in programma quest’anno a Bologna, al Parco Nord, dal 26 agosto al 12 settembre.

Filo conduttore e claim della manifestazione, appunto, l’Unità, elevata a valore irrinunciabile per questa stagione del PD e dell’Italia: unità nel partito, nel centrosinistra, del e nel Paese.

E all’insegna di questa aspirazione è stato costruito un programma articolato lungo alcune linee tematiche: diritti sociali e diritti civili come elementi complementari e non alternativi dell’identità dem; lavoro e impresa; democrazia e rivoluzione digitale; legalità, sicurezza e integrazione; sostenibilità ambientale, sociale, alimentare; memoria storica, cultura e formazione, con scuola, università e innovazione al centro della proposta politica.

 

L’orizzonte è quello dell’Europa e del Next Generation EU, di cui parleranno, tra gli altri, il vicepresidente esecutivo della Commissione europea, Frans Timmermans, e il commissario agli Affari Economici e Monetari, Paolo Gentiloni; il Presidente del PE, David Sassoli; la capogruppo S&D all’Europarlamento, Iratxe Garcia Pérez; il leader del PSE, Sergej Stanisev; il leader di Syriza, Alexis Tsipras; i premier portoghese e spagnolo, Antonio Costa e Pedro Sanchez (in videocollegamento).

 

Spazio all’attuazione del NGEU attraverso il Piano Nazionale Ripresa e Resilienza, con dibattiti dedicati alle riforme in cantiere e a quelle in agenda nel prossimo futuro. Nutrita la rappresentanza del governo coi ministri Patrizio Bianchi, Elena Bonetti, Renato Brunetta, Vittorio Colao, Fabiana Dadone, Fabrizio D’Incà, Dario Franceschini, Maria Stella Gelmini, Enrico Giovannini, Lorenzo Guerini, Maria Cristina Messa, Luciana Lamorgese, Andrea Orlando, Stefano Patuanelli, Roberto Speranza; le viceministre Laura Castelli e Marina Sereni; i sottosegretari Enzo Amendola, Anna Ascani, Caterina Bini, Maria Cecilia Guerra, Assuntela Messina, Alessandra Sartore.

 

Su riforme, ripresa e uscita dalla pandemia saranno focalizzati i panel tematici cui parteciperanno tutti i componenti dalla segreteria dem, e quelli nei quali interverranno i capogruppo alla Camera, al Senato e al PE, Debora Serracchiani, Simona Malpezzi e Brando Benifei.

 

Di post pandemia e scenari futuri si discuterà anche con il Presidente del Movimento 5 Stelle ed ex Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. E poi, in una sessione sul futuro del centrosinistra, con il segretario nazionale di Sinistra Italiana, Nicola Fratoianni e con Goffredo Bettini. Presenti poi il co-portavoce di Europa Verde, Angelo Bonelli, e il Presidente di +Europa, Riccardo Magi e Elly Schlein che discuterà di contrasto all’omotransfobia con Alessandro Zan.

 

Nei diciotto giorni della Festa a confrontarsi su tutti questi temi ci saranno anche i rappresentanti delle parti sociali: i tre segretari generali di CGIL, CISL e UIL, Maurizio Landini, Luigi Sbarra, Pierpaolo Bombardieri; il vicepresidente di Confindustria, Giovanni Brugnoli; il Presidente di Legacoop, Mauro Lusetti; il vicepresidente di Confesercenti, Nico Gronchi, e altri rappresentanti delle associazioni di categoria.

 

Attenzione puntata poi sui territori e sulla prossimità, con la presenza dei cinque presidenti di Regione a guida PD (Stefano Bonaccini, Vincenzo De Luca, Michele Emiliano, Eugenio Giani e Nicola Zingaretti); di una larga rappresentanza di sindaci del centrosinistra, tra cui Antonio Decaro, Presidente ANCI, Michele de Pascale, Presidente UPI e Matteo Ricci coordinatore dei sindaci del PD, e poi Valentina Cuppi, Presidente del Partito Democratico, Brenda Barnini, Isabella Conti, Andrea Gnassi, Dario Nardella e le prime cittadine di Barcellona, Ada Colau, e di Parigi, Anne Hidalgo. Presente poi la candidata alla presidenza della Regione Calabria, Amalia Cecilia Bruni, e, collegati in video, tutti i candidati alle amministrative del centrosinistra nelle città metropolitane: Roberto Gualtieri, Matteo Lepore, Stefano Lorusso, Gaetano Manfredi e Giuseppe Sala.

Quanto al PD e alla sinistra, oltre a 5 ex segretari (Walter Veltroni, Dario Franceschini, Pierluigi Bersani, Maurizio Martina e Nicola Zingaretti) saranno presenti il fondatore dem, ed ex Presidente del Consiglio e della Commissione europea, Romano Prodi, che interverrà sugli effetti della pandemia sull’economia globale e la politica; l’ex ministro ed ex Presidente del Partito, Rosy Bindi, oggi Presidente onorario dell’Associazione Articolo 32 Salute diritto fondamentale, che interverrà sulla sanità e il PNRR e Gianni Cuperlo, Presidente della costituenda Fondazione del PD. Del Partito e della sua identità progressista e democratica si rifletterà invece nelle due sessioni che avranno come protagonisti i vicesegretari Peppe Provenzano e Irene Tinagli.

 

Grande protagonismo, inoltre, per società civile e terzo settore, civismo, associazionismo e reti di cittadinanza: da Don Luigi Ciotti, fondatore di Libera e Gruppo Abele, a Emiliano Manfredonia, Presidente nazionale ACLI; da Riccardo De Facci, Presidente CNCA a Don Dante Carraro di Medici con l’Africa CUAMM; da Monsignor Giancarlo Perego, Presidente Fondazione Migrantes, a Claudia Fiaschi, Portavoce Forum nazionale Terzo settore, e poi Stefano Ciafani, Presidente di Legambiente, Tiziano Pesce, Presidente UISP, Vittorio Bosio, Presidente CSI, e ancora rappresentanti di Legacoop sociali, Fondazione Pangea Onlus, Avvocato di strada Onlus, Alleanza contro la povertà.

Nutrita la pattuglia di economisti ed esperti: fra gli altri Carlo Cottarelli, Tito Boeri, Emanuele Felice e Linda Laura Sabbadini, direttrice ISTAT, la politologa Sofia Ventura e l’ex segretario della Fim-Cisl, Marco Bentivogli. Tra gli scrittori, Gianrico Carofiglio, Maurizio De Giovanni e Adriano Sofri.

Ci sarà poi una sessione interamente dedicata alle riforme istituzionali, nel panel al quale sono stati invitati esponenti di tutte le forze politiche e a cui prenderanno parte, tra gli altri, la Presidente dei deputati di Italia Viva, Maria Elena Boschi; il Presidente dei deputati di LEU, Federico Fornaro; il deputato di Forza Italia, Simone Baldelli; il leader di Coraggio Italia, Gaetano Quagliariello, e i coordinatori del Comitato Pd per le riforme, Carla Bassu e Andrea Giorgis.

Saranno cinque invece i panel storici, dedicati alla ricerca di verità per la strage di Bologna, per quella di “Ustica, 41 anni dopo”, ai 20 anni dai fatti del G8 di Genova, al ventennale degli attentati alle Torri Gemelle e ai cento anni dalla nascita del PCI, dibattito al quale parteciperà, fra gli altri, Aldo Tortorella.

Fari puntati, naturalmente, sulla situazione in Afghanistan, sia sul versante delle azioni di politica estera, sia su quello della difesa e della tutela dei diritti violati: se ne parlerà in due sessioni (una dedicata alla geopolitica, l’altra con un focus sulla violenza contro le donne) e nella campagna di raccolta fondi attiva presso la Festa, “Insieme per il popolo afgano”.

Un corner informativo sarà dedicato anche alle Agorà democratiche, il cui progetto sarà illustrato il 1° settembre dal segretario nazionale, Enrico Letta, intervistato dalla direttrice di Radio Rai Simona Sala, proprio nel giorno del lancio della piattaforma digitale.

19 mesi senza Patrick” è invece il titolo del panel dedicato a Zaki, al quale prenderanno parte, fra gli altri, il portavoce di Amnesty International Italia, Riccardo Noury.

Chiusura, infine, domenica 12 settembre, con il comizio del segretario Enrico Letta, e con gli interventi di Stefano Bonaccini, Paolo Calvano, Cecilia D’Elia, Virginio Merola e Luigi Tosiani.

Tutti gli appuntamenti in Sala Iotti saranno trasmessi sul canale Youtube del Pd e in diretta su Radio Immagina, mentre quelli in Sala Marini verranno tutti registrati. Proprio a Franco Marini sarà dedicato uno degli omaggi alla memoria, così come a Guglielmo Epifani e a Gino Strada.

 

IL GREEN PASS ALLA FESTA DELL’UNITÀ

La Festa Nazionale dell’Unità al Parco Nord di Bologna applica le regole stabilite dal Ministero degli Interni e chiarite nelle FAQ della Presidenza de Consiglio dei Ministri. Per accedere all’area della Festa Nazionale il GREEN PASS è necessario, per garantire se stessi e gli altri.

In caso di controlli da parte delle forze dell’ordine il soggetto che ne è sprovvisto, incorre nelle sanzioni previste dalla legge. Tutti i volontari che presteranno il loro tempo per gestire e far funzionare la Festa sono provvisti di GREEN PASS. Per accedere alle sale dibattiti ed alla biblioteca sarà obbligatorio presentare il proprio GREEN PASS ai controlli gestiti direttamente dall’organizzazione della Festa.

Nell’ambito della Festa valgono le regole di sicurezza previste dalla normativa anti COVID vigente sul distanziamento e sull’uso della mascherina.

 

Per informazioni e accrediti: [email protected]