Sabato 28 marzo il Dipartimento Formazione del PD ha tenuto il secondo appuntamento sul tema “Partiti: modello, leadership, primarie”. Un incontro molto riuscito e partecipato per il quale vorrei ringraziare ancora una volta tutti i relatori e le persone che hanno seguito i lavori e li hanno animati con domande e osservazioni.

Questi due appuntamenti hanno avuto e hanno per noi un doppio valore. Da un lato sono parte dell’attività di formazione politica, di un programma di lavoro su cui molto la segreteria del PD sta investendo, consapevole dell’importanza di essere di supporto a militanti, iscritti, eletti e dirigenti fornendo loro competenze e strumenti utili alla loro attività politica o amministrativa a tutti i livelli. Ma abbiamo fortemente voluto questi due incontri anche perché siamo convinti che proprio i temi che vi sono stati discussi siano centrali per un dibattito acceso e sentito in tutto il partito.

Come sapete, lo scorso 20 ottobre c’è stata una Direzione nazionale dedicata proprio al partito e a seguito di quella è stato insediato un Gruppo di lavoro presieduto da Matteo Orfini con il compito di lavorare a una proposta di messa a punto dello Statuto e più in generale a una riflessione sul Partito democratico.

Allo stesso tempo si è aperta una discussione sulla possibilità di presentare un disegno di legge per la piena attuazione dell’Art. 49 della Costituzione che disciplina la vita interna dei partiti politici. Insomma il dibattito politico su questi temi è quanto mai vivo e aperto e la formazione politica ha un ruolo non secondario da svolgervi.
Quello di sabato 28 marzo è stato certamente e a pieno titolo un momento formativo, ma al tempo stesso lo abbiamo immaginato e costruito con un obiettivo più generale, affinché fosse un contributo al dibattito e alla riflessione politica di tutto il PD, uno strumento di approfondimento, riflessione e confronto reciproco su temi cruciali per la nostra comunità. Anche per questa ragione abbiamo scelto di realizzare questi due appuntamenti insieme al Dipartimento Cultura, diretto da Lorenza Bonaccorsi.

Dovremmo essere tutti consapevoli che a sette anni dalla sua nascita non si possa che riconoscere che la scelta di dar vita al PD abbia avuto successo. Siamo il più grande partito italiano e il più grande partito del fronte progressista e del Partito del socialismo europeo. Esprimiamo una delle leadership forse più forti nella storia del nostro Paese. Nello stesso tempo, come costruiamo, rafforziamo e radichiamo il nostro partito è tema aperto e di grande attualità politica. È a questa discussione che abbiamo inteso dare un contributo con i nostri due appuntamenti.
Sono convinto che ciò che fa di un partito un soggetto collettivo, una comunità non può essere solo nel suo statuto o nelle modalità democratiche con cui sceglie di selezionare le responsabilità politiche e istituzionali.

L’elemento imprescindibile resta, al fondo, una cultura politica condivisa che si traduca anche in un’idea condivisa di partito e in una visione comune di società e di futuro, pure in un pluralismo di storie e di percorsi che vanno riconosciuti e rispettati. Quello del modello di partito è stato a lungo un tema di divisione e di confronto nel PD, fin dalla sua nascita. Credo che oggi, più che in passato, ci siano le condizioni perché si possa arrivare a un’idea condivisa.

Credo che la formazione politica abbia un compito da svolgere in questo percorso. Sicuramente il suo ruolo è innanzitutto quello di fornire competenze e strumenti di lavoro a chi a ogni livello e con diverse responsabilità si dedica all’impegno politico. Ma la formazione in un partito resta per me sempre e soprattutto la leva principale per condividere una cultura politica e il tema di come nel PD si costruisce una nuova cultura politica condivisa è ancora in buona parte da svolgere.
Ecco perché, come Dipartimento formazione politica, stiamo cercando di dare il nostro contributo in questa direzione, attraverso l’organizzazione di ulteriori appuntamenti, a cominciare da una grande iniziativa nazionale da svolgere prima dell’estate, che abbiamo deciso di intitolare Stati generali della formazione politica.

In questo percorso di costruzione ed elaborazione comune il seminario del 28 è stato, lo speriamo, un momento importante di confronto e di arricchimento, grazie anche ai contributi di studiosi ed esperti che ci hanno aiutato a conoscere meglio modelli diversi dal nostro sviluppati in altri Paesi del mondo ai quali guardare con curiosità e attenzione.

Andrea De Maria

Gli interventi:

Destra e sinistra: i partiti tra antipolitica e fallimento del neoliberismo – Carlo Galli

Europa e globalizzazione: quale modello di partito – Giorgio Tonini

Partecipazione, organizzazione e consenso: America Latina, USA, Germania – Donato Di Santo

Anthony Renzulli

Silvia Bolgherini:
Partiti e sistema di partiti in Germania
Il video integrale del seminario