Di seguito riportiamo una delle lettere ricevute, in forma anonima. Comportamenti di questo tipo da parte delle banche, di cui abbiamo diverse evidenze, non sono accettabili e contrari allo spirito e al dettato della norma.
Il Decreto Liquidità è uno ma registriamo comportamenti molto differenziati fra le banche. Auspichiamo che tutte le banche, nel rispetto del dettato normativo, si allineino ai comportamenti più virtuosi ed esortiamo le istituzioni di vigilanza e le associazioni di categoria (Banca d’Italia, ABI) ad operare un puntale controllo.
In aggiunta, come Partito Democratico abbiamo aperto un canale di ascolto diretto presso i cittadini: tutti i lavoratori, gli imprenditori e i professionisti che incontrano ostacoli o difficoltà pretestuosi per ottenere gli aiuti che abbiamo predisposto sono invitati a scriverci ([email protected]) per raccontarci la loro esperienza, che eventualmente porteremo all’attenzione dell’opinione pubblica e delle istituzioni competenti.
(Emanuele Felice)

****

Sono un Perito Agrario libero professionista. Io ho trovato e ho difficoltà con la banca BNL – BNP PARIBASS per l’accesso al Fondo di Garanzia fino a 25000,00 Euro.
Ho presentato la richiesta con la modulistica e la documentazione come indicato nel decreto il 17/04/2020; dopo una settimana mi rispondono di aver girato la richiesta ai “responsabili”, e solo oggi 30/04/2020, mi scrivono che avrei dovuto compilare anche la scheda 2 che come riporta lo stesso modulo deve essere compilata solamente dalle Imprese e non dai liberi professionisti. La cosa però più grave è che la BNL – Bnp Paribass mi ha richiesto il consenso all’acceso al mio SIC personale, mentre il testo del decreto dice chiaramente che non è dovuta la valutazione del merito creditizio del richiedente. Ho chiesto chiarimento su questo abuso istruttorio, ma naturalmente visto la loro tempistica non ho ricevuto pronta risposta in merito.
Tutti questi problemi a fronte di una somma richiesta di circa 3500,00 Euro. (tremilacinquecento/00)
In pratica sono passa 13 giorni dalla richiesta e dopo 13 gg chiedono di fornirgli documentazione aggiuntiva non dovuta.