“2 agosto 1980. Stazione di Bologna.

42 anni dopo.

Oggi finalmente una sentenza che consegna verità e giustizia alle vittime, ai loro famigliari.

Decenni depistaggi. Decenni di impegno e battaglie.

Dopo tutto questo, oggi Paolo Bellini, ex Avanguardia nazionale, è stato condannato all’ergastolo per concorso nella strage della Stazione di Bologna e sono stati condannati gli altri imputati nel processo ai mandanti per depistaggio.

Oggi, dopo decenni di lotte, la verità sulla strage fascista del 2 agosto alla Stazione di Bologna, viene confermata e certificata dalla sentenza. C’era un disegno articolato dietro quell’attentato, inserito nella strategia della tensione. C’era la volontà di destabilizzare la democrazia, spaventate il Paese, che ha strappato la vita a persone innocenti.

Il ringraziamento più grande va a Paolo Bolognesi e all’Associazione dei familiari delle vittime, ad Andrea Speranzoni e alle avvocate e agli avvocati del collegio di parte civile, ai Procuratori generali.

Un abbraccio alle famiglie, che si sono sempre battute per ottenere verità e giustizia e che oggi le hanno ottenute”.

Lo scrive su Facebook Valentina Cuppi, presidente dell’Assemblea nazionale del Partito Democratico.

.