“Rinnoviamo la richiesta al Governo italiano di consentire lo sbarco immediato dei 43 naufraghi verso i quali, peraltro è stata già offerta accoglienza sia da parte della Chiesa torinese che da città di altri Paesi europei”. Lo dice Marina Sereni della segreteria nazionale Pd.

 

Il pronunciamento della Corte europea non cambia la sostanza: non è solo una questione di leggi ma di umanità

“Continua la danza macabra del Governo italiano – continua la Sereni – e la paralisi dei Paesi europei sulla vicenda dei 43 naufraghi a bordo della Sea Watch al largo di Lampedusa. Il pronunciamento della Corte europea non cambia la sostanza: non è solo una questione di leggi ma di umanità. Nonostante le sollecitazioni della Commissione europea, gli Stati comunitari continuano ad essere indifferenti alle sorti di queste persone da tredici giorni in mare”.