Imagoeconomica

“Il Ministro Di Maio sta svilendo la sua funzione ed è costretto ad accettare “aiuti” da parte di soggetti, anche esterni al settore aereo, dopo aver perso tempo prezioso per chiudere il dossier Alitalia.

Si appella alla solidità finanziaria di possibili acquirenti per scongiurare un fallimento, l’ennesimo del suo mandato al Mise. Tutto questo avviene senza aver predisposto un solido piano industriale di rilancio dell’ex compagnia di bandiera, senza indicare in quale direzione sviluppare le rotte e con quale flotta.

Si parla di una newco lasciando intendere che potrebbero esserci degli esuberi e una bad company.

Di Maio non ha uno alcuna strategia industriale mentre mette insieme una compagine azionaria, coinvolgendo Ferrovie dello Stato ed il Governo, senza solidità nell’operazione”.

Lo scrive in una nota il responsabile Infrastrutture del Pd Roberto Morassut.