Image licensed by Ingram Image

“Anche sugli appalti si volta pagina. Grazie anche al grande lavoro fatto dal relatore Stefano Esposito con il nuovo codice si pone un argine alla corruzione e si chiude il periodo oscuro in cui il general contractor si sceglieva il direttore generale dei lavori determinando una situazione di possibile opacità.

Finisce il tempo delle gare al massimo ribasso che tanti guai ha prodotto nel corso degli anni: viene cancellato per le gare di progettazione garantendo così qualità, trasparenza, costi e tempi certi”.
Lo ha dichiarato Debora Serracchiani, vicesegretaria e responsabile infrastrutture del Pd.

“Si chiude la pagina scandalosa degli appalti per servizi ad alta intensità di manodopera, fino ad oggi aggiudicati al massimo ribasso, che si scaricava sui lavoratori. Oggi abbiamo posto le basi per l’approvazione definitiva di una delle più importanti riforme strutturali che consentirà di avviare opere di enorme importanza per il Paese”.

******

Il presidente dei senatori del PD Luigi Zanda : “L’unione politica dell’Europa passa anche dal nuovo codice degli appalti”
Con 184 voti a favore, 2 contrari e 42 astenuti, il Senato approva il nuovo Codice degli appalti, che ora passa all’esame della Camera. Il presidente dei senatori dem: “finalmente omogeneizzate le regole italiane a quelle europee”