Image licensed by Ingram Image

Abbiamo appena approvato il nuovo codice per gli appalti che porterà una svolta nel sistema dei lavori pubblici che porta semplificazione, legalità e certezza nella esecuzione.

Vanno usati i fondi sviluppo e coesione, i fondi europei e altri finanziamenti. Il punto però è avere un piano strategico basato sui motori di sviluppo del mezzogiorno.

Li abbiamo indicati nell’ accordo di partenariato che abbiamo stipulato con l’Europa e sono: industria intelligente, agricoltura, portualità, turismo, cultura.

Abbiamo il Pon trasporti con il quale interveniamo per recuperare un ritardo infrastrutturale a partire dai cantieri aperti per il collegamento ferroviario Napoli-Bari-Taranto con una spesa di 4,3 miliardi di euro. E questa si collega con il raddoppio della Telesina e della linea Cancello- Napoli

Abbiamo rafforzato il programma di manutenzione stradale affidando all’ Anas 2,5 miliardi mentre nel 2016 avremo un primo completamento della Salerno Reggio Calabria.

Nel primo trimestre del 2017 si aprirà la stazione di alta velocità di Afragola andando verso la abbreviazione dei tempi di collegamento ferroviario con il sud, investendo ulteriormente sulla elettrificazione della Salerno Reggio Calabria.

Abbiamo sbloccato decine di appalti e i dati relativi al Sud ci dicono che c’è stato un incremento del 44% dei bandi pubblicati. E se le cose andranno avanti come le abbiamo delineate, se prosegue senza sosta la lotta alla criminalità e corruzione, la ripartenza dei cantieri per infrastrutture e trasporti consentirà al nostro mezzogiorno di contare su 2 punti di PIL.

Il nuovo piano strategico sulla portualità arriverà presto in CdM e poi in Parlamento.

Insomma il Sud è un cantiere.

Serve ora un’ alleanza con i sindaci che si occupano del proprio territorio, con  i Presidenti di Regione,con le forze sociali e imprenditoriali per attivare una grande officina del Sud fatta di buone pratiche per far ripartire il Sud. Le potenzialità e le energie ci sono.

A cura del dipartimento Mezzogiorno e Fondi Europei