Si è svolto ieri incontro del Pd rappresentato da Debora Serracchiani, presidente gruppo Pd, susanna Cenni, vice presidente commissione agricoltura e responsabile agricoltura per la segreteria nazionale, Antonella Incerti, capogruppo Pd in commissione agricoltura alla camera, con le associazioni rappresentative delle imprese della pesca.

Al centro dell’incontro le enormi difficoltà del settore soprattutto a causa dei costi dei carburanti. Ma si è discusso anche della lentezza nelle erogazione delle risorse per il fermo pesca, dell’obsolescenza delle imbarcazioni, delle opportunità che la pesca chiede di poter utilizzare nel PNRR, nonché dei gravi episodi di intimidazione che si sono svolti in alcuni porti e marinerie.

Il Pd ha depositato numerosi emendamenti sul decreto aiuti che si discuteranno nei prossimi giorni, ma arriverà nei prossimi giorni un tavolo di lavoro permanente che coinvolgerà anche i sindacati dei lavoratori ed i parlamentari Europei.

Le deputate dichiarano: “La pesca italiana in questo momento ha bisogno di tutto il nostro sostegno. E’ positivo che il governo abbia riattivato il tavolo al Mipaf e che si torni ad occuparsi di Cisoa, ma servono risposte certe per le imprese ed i lavoratori, e tempestività delle erogazioni, a partire dalla liquidazione dei 20 ml già ripartiti e dalle risorse del fermo pesca che continuano ad avere tempo troppo lunghi” proseguono poi “ la mobilitazione delle associazioni e’ sacrosanta, condanniamo invece con decisione gli atti violenti ed intimidatori, che si sono verificati in alcune realtà italiane. Lavoreremo affinché alcune risposte vengano date già dal decreto aiuti lavorando per l’approvazione dei nostri emendamenti, ma occorrerà sostenere un insieme di iniziative tese a rafforzare la pesca italiana e ad evitare che in questo momento l’arrivo di pescato da altri paesi metta del tutto in ginocchio la realtà italiana”