Sintesi dell’intervista di Giorgio Santilli su Il Sole 24 Ore

“L’Italia deve continuare senza esitazioni sul percorso avviato nell’ultimo anno, sapendo di avere il sostegno e la solidarietà dell’Europa, inoltre è necessario agire con senso di responsabilità e intelligenza per sfruttare al meglio le opportunità di questo momento: la sospensione del Patto, il Pnrr, Repower Eu”, Irene Tinagli, presidente della commissione Affari economici del Parlamento europeo e vicesegretaria del Pd, inizia così la sua intervista al Sole 24 Ore, e continua: “E’ necessaria una pianificazione di medio lungo periodo per affrontare le difficili condizioni internazionali di questo momento. Mi concentrerei sulla riforma delle regole del Patto di stabilità, che nell’emergenza rischia di passare in second’ordine”.

Un passaggio sulla Commissione europea: “Sul Pnrr c’è un inevitabile richiamo a rispettare gli impegni che noi, come Paese e governo, abbiamo assunto. Le linee guida interpretative del Repower Eu aprono alla possibilità di modificare più facilmente progetti singoli del Pnrr che sopportino un forte aumento di costi. Non riesco a capire quindi come si possa dire che la commissione Ue ha un atteggiamento ostile verso l’Italia, tuttaltro”.

Tinagli chiude: “La riforma delle regole di bilancio va approvata al più tardi entro il 2023, cioè prima che si disattivi la clausola di sospensione delle attuali regole. In questo modo si darà certezza ai governi e si aiuteranno a fare pianificazione di medio lungo periodo. Bisogna favorire un atteggiamento responsabile di tutte le forze politiche. L’approvazione del nuovo Patto di stabilità è fondamentale, in questa chiave: tornare alle vecchie regole produrrebbe dinamiche e politiche economiche rischiose non solo per l’Italia ma per tutta l’Unione”.

Intervista integrale su Il Sole 24 Ore.