Luana D’Orazio una giovane lavoratrice tessile è stata uccisa dalla macchina con cui lavorava. Lascia una figlia piccola. Succede ancora, succede troppo spesso. Non è una fatalità, non si può morire di lavoro, la sicurezza va messa al primo posto“.
Così su Twitter Cecilia D’Elia, portavoce della Conferenza delle donne del Pd.