Il piano di investimenti per la scuola – pari a 10 miliardi di euro in 5 anni – annunciato oggi dal segretario Letta è la testimonianza di una visione ambiziosa del futuro del Paese, centrata sul valore della conoscenza.
Il sistema di istruzione nazionale è la sede in cui poter scrivere i propri destini, in sintonia con talenti e aspirazioni. Per questo riteniamo importanti gli impegni assunti per il rinnovo del contratto e l’aumento delle retribuzioni dei docenti, portandoli finalmente in linea con la media europea. Per questo riteniamo determinante aver messo al centro della discussione politica il sistema integrato di educazione ed istruzione da 0 a 6 anni come strumento che può concorrere concretamente a ridurre, sin dalla più tenera età, le disuguaglianze, promuovere lo sviluppo personale e la coesione sociale. Più in generale, è necessario sostenere un forte incremento del Fondo nazionale per il sistema Integrato – già esistente- così da garantire progressivamente la gratuità dei servizi a partire dai nuclei familiari a basso Isee. Quelle espresse dal segretario Pd sono le proposte emerse nel corso delle Agora’ e dei tanti incontri promossi in questo ultimo anno dal Partito Democratico sul territorio nazionale, segno di una reale apertura alla partecipazione dal basso che si è espressa in proposte ambiziose e concrete per il futuro del Paese”.

Lo affermano le esponenti democratiche Manuela Ghizzoni, responsabile Istruzione Università e Ricerca, e Irene Manzi, responsabile Scuola.