Immagina. Abbiamo voluto chiamare così questo spazio di elaborazione collettiva e di scambio. Per liberarci dalla morsa Coronavirus abbiamo bisogno anche di questo: immaginazione, coraggio, idee nuove.

Scienza, medicina, aiuti a chi soffre e a chi cura, interventi puntuali per fronteggiare la lunga catena delle emergenze economiche e sociali determinate dal virus: è ciò che stiamo già facendo come forza di Governo.

Ma insieme, e subito, serve anche un grande sforzo per lavorare alla rinascita italiana e all’obiettivo di uscire da questo incubo migliori di come ne siamo entrati.

 

Idee e contributi per riprogettare il Paese e per essere all’altezza delle aspettative di un mondo nuovo

Questo nuovo sito sarà un luogo libero e aperto, con un obiettivo chiaro di cui il Partito Democratico si farà portatore ad ogni livello: nel Governo, nelle tante amministrazioni di cui siamo responsabili in tutta Italia, nella vita delle città, nei quartieri, nel dibattito pubblico. Raccogliamo idee e contributi per riprogettare il Paese e per essere all’altezza delle aspettative di un mondo nuovo, dopo il virus, ben consapevoli che nulla sarà più come prima.

Come immaginiamo allora l’Italia del futuro?

Innanzitutto, abbiamo il dovere di pensarla finalmente guarita dalle grandi debolezze che questa emergenza sanitaria ha messo a nudo. Un Paese forte perché investe nelle sue grandi infrastrutture pubbliche, a partire dalla sanità. Un Paese dinamico, perché sa dare forza e protagonismo a una nuova generazione e valorizzare le grandi risorse che nel campo della ricerca, dell’industria, dell’innovazione e della creatività sa esprimere. Un Paese efficiente, perché finalmente mette mano in maniera strutturale alla propria architettura, e in particolare al rapporto tra amministrazione centrale e autonomie. Un Paese più libero e più giusto, perché restituisce diritti e tempo alla vita dei suoi cittadini e in particolare delle sue cittadine, su cui pesa l’ineguale distribuzione del lavoro di cura e domestico, il cui contributo professionale e lavorativo è stato fondamentale nelle attività e nei servizi che hanno garantito continuità alla vita della comunità durante l’emergenza. Il protagonismo delle donne anche nei ruoli decisionali sarà determinante per il necessario cambiamento del Paese.

Un Paese robusto, perché dentro un’Europa diversa.

La lotta per costruire la nuova Europa cantiere di sviluppo, civiltà e giustizia che ogni cittadino europeo vorrebbe sarà una delle grandi sfide politiche di questo nuovo tempo e uno dei temi portanti dello spazio di discussione che apriamo nel web con “Immagina”.

Ci vorrà tempo e fatica, ma non possiamo tiraci indietro.

L’onda che ci prepariamo ad affrontare è potente. Forse addirittura più del Coronavirus. Nel nostro recente passato – penso alla crisi economica iniziata nel 2008 – abbiamo visto quali rischi, anche democratici, può portare con sé una risposta debole e burocratica alle povertà, alla paura, alla solitudine. Da lì sono nati populismi e hanno tratto la loro forza sabotatori e tanti processi di sottrazione democratica, in giro per l’Europa e nel mondo. Bisogna invece avere il coraggio di cambiare storia, con la forza delle idee. Questo il proposito ambizioso che ci proponiamo con l’apertura di questa nuova agorà digitale.

 

Visita Immagina