Andrea Catizone
© Imagoeconomica

“Il Partito democratico insisterà per il ritiro del ddl Pillon. Stamattina, come partito, abbiamo partecipato e condiviso compattamente quanto affermato dal gruppo al senato per bocca della Senatrice Valeria Valente, durante il confronto organizzato dal Corriere della Sera sullo spinoso ddl Pillon. In particolare quanto ribadito dalla senatrice Valente, ovvero che l’impianto culturale e giuridico del disegno é inaccettabile e per questo il disegno va ritirato. La visione adultocentrica che questo impone cancella anni di conquiste verso l’affermazione dei diritti fondamentali degli esseri umani, primi fra tutti i minori di età.

 

Il lavoro congiunto di contrasto ai vari livelli del Partito democratico ha avuto i primi effetti costringendo l’avvocato-mediatore Pillon a rallentare la corsa e a promettere di cambiare molte delle disposizioni che creano confusione, aumentano i conflitti e violano norme di diritti insopprimibili. Noi non ci fermiamo e andiamo avanti con argomentazioni di merito che dimostrano l’inutilità o la pericolosità di quel disegno di legge”. Lo dichiara Andrea Catizone, responsabile Pari opportunità del Pd.