Il libro di Concetto Vecchio dedicato a Emanuele Macaluso, verrà presentato da Luciano Vecchi, Responsabile Italiani nel Mondo del PD, e Sergio Staino, il 19 maggio  alle ore 19:00.  Sulla pagina Facebook del PD Svizzera, tutte le informazioni per iscriversi all’evento

“Bisognava ribaltare il mondo” ricorda Macaluso evocando la sua iniziazione alla politica. Per oltre un anno e fino a pochi giorni prima della morte, Concetto Vecchio lo ha incontrato nella sua casa romana, nello storico quartiere di Testaccio, per comporre un ritratto a figura intera (“più Emanuele e meno comunismo”). Una biografia non solo politica, ma anche umana e sentimentale, dove pubblico e privato s’intrecciano. Sul filo della memoria scorrono le pagine di questo libro che si legge come un romanzo del Novecento. L’infanzia nella Sicilia poverissima, dove i bambini lavoravano piegati tutto il giorno nelle miniere di zolfo.

La tubercolosi contratta appena adolescente (“ero certo che sarei morto giovane”). L’impegno nel Pci clandestino negli anni del fascismo, quando era ancora un ragazzo ma già ricopriva ruoli di rilievo.

I maestri e gli amici di una vita (Luziu Boccadutri, Girolamo Momo Li Causi, Pio La Torre, Leonardo Sciascia, ragazzi fatti col filo e col ferro).

Le lotte politiche ma anche le storie d’amore (“quando gli alleati bombardarono Caltanissetta, io mi trovavo nel letto di Lina”: per quella relazione con una donna sposata, di cui per la prima volta vengono a galla i documenti giudiziari e le lettere, Macaluso finirà in carcere per il reato di adulterio nel 1944, “colpevoli soltanto di amarci, questa era l’Italia miserabile di allora”).

L’impegno antimafia, il Sessantotto, il terrorismo, gli anni Ottanta alla direzione de “l’Unità” (sua la prima pagina il giorno dei funerali di Enrico Berlinguer: “TUTTI”), fino agli ultimi giorni, quando ormai era diventato un’icona della sinistra italiana. La storia di un comunista che disubbidiva.

L’avventura di una vita fuori dal comune.