“Siamo di fronte ad un inedito della storia della Repubblica: un vicepremier che va in Tv e annuncia una denuncia in Procura perché sospetta che qualcuno tra i suoi alleati abbia cambiato, a sua insaputa, un decreto fiscale che prevede un condono tombale per gli evasori fiscali e l’impunibilità”.

Così Gianni Cuperlo, della segreteria nazionale del Pd, commenta l’ultima drammatica giornata che si e’ consumata a Palazzo Chigi tra M5s e Lega sul decreto fiscale che secondo il vicepremier Luigi Di Maio sarebbe stato modificato mentre veniva spedito al Quirinale.

 

“Mai come ora – dice Cuperlo – il ruolo dell’opposizione diventa cruciale per la difesa delle istituzioni democratiche e per smascherare l’enorme bluff con il quale molto presto il Paese dovrà fare i conti. Spetta al Pd attrezzarsi per fronteggiare questa destra pericolosa e per essere davvero un’alternativa in grado di rispondere alle istanze della parte più sofferente della società.

Perche’ non solo non e’ stata abolita la povertà ma c’e’ il rischio concreto che dopo il varo di questa manovra il numero dei poveri aumenti. Quelle annunciate dal governo sono misure elettorale, pensate in vista delle elezioni europee alle quali Matteo Salvini guarda con gli stessi occhi di Orban”.

 

E di “Europa, sinistra, riscatto” Cuperlo parlerà domani e sabato a Milano, alla Fonderia Napoleonica (in via Tahon di Revel, 21) in vista delle elezioni europee di maggio 2019 e del congresso Pd.

 

I lavori prenderanno il via domani, 19 ottobre, alle 17,30 con un tavola rotonda sull’Europa coordinata dalla giornalista Rai Eva Giovannini con Massimo Cacciari, Alberto Melloni, Beppe Sala e Gianni Cuperlo.

 

Sabato si inizia alle ore 12 con video, sondaggi e moltissimi interventi. Tra gli ospiti l’europarlamentare Brando Benifei, Barbara Pollastrini, il segretario Pd Maurizio Martina, Luigi Manconi, Vasco Errani, Alessandra Longo, Andrea Orlando, Beppe Provenzano, Giuliano Pisapia, Massimo Mapelli, Emilio Barucci, Andrea Giorgis, Susanna Cenni, Sesa Amici, Andrea De Maria.

 

A chiudere i lavori, alle ore 18, Gianni Cuperlo.

L’evento verrà trasmesso in diretta da Radio Radicale