“L’inquietante volantino ritrovato nel corso delle perquisizioni contro i gruppi di estrema destra a Padova contro il nostro deputato Emanuele Fiano, i manifesti insultanti che ancora una volta si scagliano contro Laura Boldrini comparsi sui muri di diverse città italiane, sono episodi gravi e allarmanti che meritano una risposta forte da parte di tutte le istituzioni e l’individuazione dei responsabili.

 

Proprio nel giorno in cui l’azione della Digos ‘Ombre nere” porta alla luce l’esistenza del tentativo di costituire un’organizzazione filonazista, xenofoba e antisemita, denunciamo il ripetersi di intollerabili attacchi a esponenti del Partito democratico. Di certo non ci faremo intimidire, ma nessuno può pensare di sottovalutare questi segnali”. Così in una nota il Partito Democratico.

 

“Se voi pensate di farmi paura, o di tapparmi la bocca avete sbagliato famiglia. Non ci hanno eliminato i #nazisti veri, figuratevi se ci riuscirete voi”. Così commenta sulla sua pagina Facebook Emanuele Fiano, pubblicando la foto del volanatino rinvenuto dalla Digos nel corso delle perquisizioni nei pressi di Cittadella, in provincia di Padova.

 

Vicinanza è stata espressa, fra gli altri, anche da Nicola Oddati, della segreteria nazionale dem: Lele ti siamo vicini e combatteremo con tutte le nostre forze contro i pericolosi rigurgiti di un passato immondo che pensa di intimorirti con insulti e minacce infami. In attesa che le forze dell’ordine rintraccino i responsabili di questo atto ignobile è sempre più evidente che oramai esiste un serio problema di sicurezza legato all’inquietante ritorno dell’estremismo di destra.
Noi terremo sempre alta la guardia e non ci faremo intimidire da chi vuol mettere in discussione i valori su cui è stata costruita la nostra democrazia”.