In un’intervista al Corriere della Sera, Debora Serracchiani dichiara che “una maggioranza politica è quella che tiene insieme, come le ha ben descritte in Direzione Zingaretti, le forze democratiche, liberali ed europeiste”, quindi “noi sappiamo che ci sono parlamentari di tutti i gruppi, di Italia Viva come anche di altre forze, che, per storia personale o politica, hanno una particolare sensibilità liberale, democratica ed europeista”.

Perciò “confidiamo che si possa trovare una maggioranza politica, che deve nascere sulla base di un patto di legislatura“.

 

Posizione PD. Su una cosa è chiara Serracchiani: “Non ci sarà da parte del Pd la disponibilità a nessun tipo di governo con le forze anti europeiste e sovraniste. Non possiamo pensare che, pur di avere un governo, ci alleiamo con queste forze” anche perchè “l’ultima volta che è venuta alla Camera, Giorgia Meloni ha definito l’Unione europea una banda di strozzini”.

 

Renzi. “Matteo Renzi con il suo partito ha aperto una crisi al buio e incomprensibile. Noi stiamo lavorando – dice Serracchiani – per evitare il peggio, ma non a qualunque costo” e “vorrei essere chiara: non è una questione personale ma politica. Altrimenti avremmo chiuso con Renzi e smesso di governare con lui, quando, dopo aver concordato con il partito i nomi delle sue ministre, ha fatto una scissione portandosele dietro. Non vogliamo una resa dei conti: prendiamo atto della poca fiducia di cui gode il leader di Iv. E la fiducia in politica è importante”.

 

Poi aggiunge: “No, non ci saranno porte chiuse per nessun parlamentare che condivida il patto di legislatura” perchè “il Pd ha già un ruolo centrale, a prescindere da Renzi”, conclude la deputata democratica.

 

Intervista completa su il Corriere della Sera