Foto - Imagoeconomica

Antonella Vincenti, responsabile Pubblica amministrazione del Partito democratico, in una nota, denuncia: “Come volevasi dimostrare, Quota 100 rischia di provocare danni irreparabili a tutto il comparto della Pubblica amministrazione.

Del resto, se si passa il tempo a ballare sui cubi al Papeete di Milano Marittima, diventa arduo valutare le conseguenze dell’esodo biblico che potrebbe interessare più di 100 mila lavoratori del settore pubblico, con conseguenze devastanti per l’offerta di servizi ai cittadini e alle imprese italiane che chiedono una pubblica amministrazione competente, efficace e soprattutto veloce nei tempi di risposta”.

Per Vincenti  “Si sta verificando un mix micidiale tra Quota 100, blocco del turnover, lavoratori in uscita per quiescenza, effetti della legge Fornero.

Mi chiedo cosa stia facendo la ministra Bongiorno per evitare la paralisi di tutto il comparto, soprattutto per quanto riguarda la Sanità e la Scuola, in particolare nelle Regioni nelle quali le piante organiche risultano essere già oggi di gran lunga sotto i livelli minimi per assicurare l’erogazione dei servizi.

E’ necessaria – incalza Vincenti – una terapia d’urto, che parta dalla stabilizzazione immediata dei precari della Pubblica amministrazione, la sospensione del blocco del turnover e risorse in bilancio per strutturare un piano straordinario di nuove assunzioni che permetta alla Pubblica amministrazione di funzionare in modo competente, efficace e soprattutto rapido”.