Giorgio Gori
Foto di Imagoeconomica

“Attilio Fontana ha parlato di ‘razza bianca‘, ha detto una cosa molto grave, perché accredita questa idea dell’invasione, che ci stanno occupando dall’Africa.

 

E’ una cosa non vera. E’ un tema molto complicato, lo dico da sindaco, di cui un amministratore serio si deve far carico cercando le soluzioni, non enfatizzando le paure delle persone”. Lo ha detto il candidato presidente della Regione Lombardia per il centrosinistra Giorgio Gori, intervistato a Mattino Cinque.

 

Gori è tornato sul tema alleanze ribadendo la sua diversità dal suo rivale del centrodestra Attilio Fontana. Parlando di Liberi e Uguali, la formazione a sinistra del Pd che ha deciso di non appoggiarlo sostenendo che non è molto diverso da Fontana, Gori ha affermato: “Mi hanno rimproverato di aver lavorato a Mediaset.
Ci ho lavorato fino al 2001, parliamo di una storia finita sedici anni fa, ed è una storia di cui vado molto fiero,; l’altra ragione per cui non si può fare un accordo è che forse, Renzi si candiderà a Milano, e questo è un problema, poi hanno detto che lo slogan “fare, meglio” non è abbastanza di discontinuità”.

 

Comunque, ha aggiunto, “io sono molto diverso da Fontana”.