“Il gesto di Buonanno è squallido e strumentalizza una vicenda tragica e delicata quale quella avvenuta pochi giorni fa. Presentarsi in televisione con una pistola per propagandare la cultura della giustizia fai da te è pericoloso e offende le stesse istituzioni che Buonanno dovrebbe rappresentare”. Questo il commento di Emanuele Fiano, responsabile sicurezza del PD.

“Il gioco populista della Lega è manifesto ed è sorprendente sentirne gli starnazzamenti visto che, quando era la Governo, non si fece scrupolo di tagliare oltre tre miliardi di euro al comparto sicurezza. Risorse che noi abbiamo reso unitamente all’assunzione straordinaria di 5000 unità in due anni. Oggi abbiamo assistito ad una pagliacciata indecorosa e dispiace che il gesto irresponsabile di Buonanno possa ricadere sull’agente di polizia municipale che ha impropriamente prestato la sua arma all’eurodeputato: ulteriore dimostrazione della grave superficialità dell’europarlamentare Ci può essere comprensione per la reazione istintiva per chi si trova un rapinatore di fronte di notte in casa propria, ma non ci può essere alcuna accettazione delle regole del far west. E’quindi una vergogna che Buonanno sia uno dei rappresentanti dell’Italia in Europa.

“Abbiamo assistito con stupore alla performance del “pistolero” Buonanno che, incurante del suo ruolo istituzionale, in maniera pericolosa e becera affronta il tema della sicurezza mostrandosi in tv con una pistola al solo fine di alimentare paura, indicando soluzioni da Far West”, ha detto Davide Ermini, responsabile Giustizia PD.. In attesa che le autorità competenti accertino le eventuali violazioni legate a questo delirante episodio, rimane la preoccupazione per il livello di demagogia raggiunto da alcuni esponenti di centrodestra.

Il tema della sicurezza viene usato in maniera irresponsabile soprattutto da un partito, come la Lega, che quando era al governo tagliò oltre tre miliardi di euro al comparto, soldi che stiamo rimettendo dopo i loro tagli. La vicenda, già di per se inquietante, presenta poi un risvolto su cui bisogna fare chiarezza. Mi riferisco ai 250 euro di bonus promessi dal sindaco ed europarlamentare Buonanno a favore di chi compra un’arma. Nell’eventualità ciò avvenisse sarebbe necessario un intervento della Corte dei Conti.

“Cosa dobbiamo ancora aspettarci da questa persona che non ha il minimo senso di ciò che comporta essere un rappresentante dei cittadini nelle istituzioni? Sventolare una pistola in diretta davanti alle telecamere per incoraggiare l’acquisto delle armi da fuoco, per giunta in orario d’ascolto di fascia protetta, non è una delle solite pagliacciate a cui ci ha abitato l’eurodeputato legista. Si tratta di un atto estremamente grave a cui la politica e le istituzioni devono rispondere con la fermezza e la rapidità necessaria”. Lo ha dichiarato la capodelegazione degli eurodeputati PD, Patrizia Toia.

“Adesso ‘l’ingenuo’ deputato si stupisce delle reazioni, minimizza e dice che era un vecchio arnese – ha continuato Toia – forse pensa che il suo ruolo sia un gioco? O crede di interpretare una comica in un cabaret? Il comportamento di costui diventa ogni giorno più incompatibile con i valori dell’Unione europea e con il suo incarico al Parlamento europeo. Come delegazione Pd chiederemo all’Ufficio di presidenza di Strasburgo una nuova sospensione”.